Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    24 novembre 2017
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Festival LEI

Lettura Emozione Intelligenza

Cos’è ma anche cosa non è la felicità? Dietro cosa si nasconde e come è possibile raggiungerla se, come dicevano gli antichi greci, l’eudaimonia è il fine ultimo dell’agire umano?
Di questo e altro si parlerà dal 30 novembre al 14 dicembre a Cagliari e Sassari nel corso degli appuntamenti in programma per la seconda edizione del Festival LEI, Lettura Emozione Intelligenza, organizzato dalla Compagnia B con la direzione artistica di Alice Capitanio.

Un tema, quello della felicità, che si svilupperà declinandosi nei diversi settori delle attività umane: letteratura, psicologia, filosofia, pedagogia, teologia, economia sostenibile, comunicazione, arte e teatro; attraverso incontri con grandi autori, interviste, lectio magistralis, workshop, reading, cene multiculturali, laboratori, mostre, concorsi e laboratori per bambini e ragazzi.


GLI OSPITI

Ospiti dell’edizione 2017 saranno Eugenio Borgna, Umberto Galimberti, Vittorio Cogliati Dezza, Michela Marzano (nella foto sopra), Vito Mancuso, Simona Argentieri, Barbara Sgarzi, Alessandro Mari, Giulio Cesare Giacobbe, Jessica Joelle Alexander (nella foto in homepage), Tim Lomas, Salvatore Natoli, Daniel Lumera, Antonella Lattanzi, Remo Bodei, Leonardo Becchetti, Leonardo Caffo, Igor Sibaldi, Andrea Colamedici, Maura Gancitano.

Il progetto Lei si caratterizza per la volontà di  proporsi come un evento a forte impatto sociale, esprimendosi principalmente attraverso azioni finalizzate a promuovere la lettura in luoghi  in cui di lettura c’è davvero poco o niente,  luoghi in cui leggere può diventare davvero uno strumento di conforto, detonatore di sopravvivenza e di miglioramento delle condizioni umane: ne sono alcuni esempi  il laboratorio di Philosophy for community  presso l'istituto penitenziario di Uta; i tanti laboratori di promozione alla lettura per italiani e stranieri: lo racconto io, Cucinare le parole, Il diritto (e il rovescio) alla felicità: una dichiarazione d'indipendenza,che vengono realizzatinei centri di mediazione culturale (GUS di Uta, Arcoiris di Quartu S.E, Circolo ARCI di Sassari); i 10 laboratori in cui gli studenti universitari incontrano gli studenti delle scuole medie e superiori per incuriosirli alla lettura attraverso le descrizioni di diversi libri classici e contemporanei, la donazione e raccolta di libri usati negli autobus e nelle piazze della città, gli incontri di lettura animata negli ospedali dedicati ai bambini ospedalizzati, gli incontri in tutta l’isola per parlare di mercato equo e solidale nell’ambito dell’editoria, senza dimenticare i reading durante le cene multiculturali, il laboratorio di Philosophy for children,  le serate di ballo a ritmo di swing e tango, attività che aiutano a considerare il valore della lettura e del libro non solo come attività di isolamento ma come strumenti di socializzazione e di scambio culturale.

Per consentire una maggiore fruizione da parte delle categorie svantaggiate, quest’anno saranno disponibili i servizi di accompagnamento per non vedenti (in collaborazione con l’associazione Fish Sardegna onlus) e sarà disponibile un servizio di respeaking e servizio di traduzione per non udenti (in collaborazione con l’associazione OnA.i.r.)


Il programma del festival:
GLI INCONTRI CON GLI AUTORI




12-11-2017
 


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2017 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
24-11-2017
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&id=3668&canale=4