Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    31 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Marc Chagall

Mostra al MAN di Nuoro


Marc Chagall.


Mostri, chimere e figure ibride / Marc Chagall. Temi biblici.

a cura di Maurice Fréchuret

18 gennaio – 15 aprile 2008




Il MAN apre la stagione espositiva del 2008 organizzando una nuova grande mostra: l’attenzione è questa volta puntata su Marc

Chagall (Vitebsk 1887 - Saint-Paul-de-Vence 1985), con una rassegna che si configura come un approfondito percorso nell’arte del

maestro russo.

Marc Chagall. Mostri, chimere e figure ibride Chimere misteriose, metà-uomo, metà-bestia, oggetti compositi con testa o membra umane e immaginari animali volanti attraversano l’intera produzione di Marc Chagall: opere che mettono in scena figure ibride, frutto di una rappresentazione che combina specie differenti, in un incrocio sottile che determina una composizione allo stesso tempo allucinata e convincente. A questa sintesi figurativa di elementi disparati è per la prima volta dedicata un’intera mostra.




Certamente Marc Chagall ha tratto ispirazione dall’arte e dalla tradizione culturale e religiosa giudeo-russa, è stato altresì colpito

dalla serie

alcuni dei suoi contemporanei: da Picasso a Brancusi, da Hans Arp a Victor Brauner, i quadrupedi alati, le donne-uccello e altri mostri

più o meno attraenti costellano la produzione del XX secolo.

Nella iconografia di Chagall, l’ibridazione trova le sue figure ricorrenti: la testa umana è sostituita da una testa di animale, le bestie

hanno membra che servono loro per suonare la musica o dipingere; allo stesso modo, dai violoncelli dipinti da Chagall spuntano

fuori braccia e testa. Con l’umorismo che lo contraddistingue, l’artista non esita a indossare vesti bestiali, assumendo le fattezze di

un gallo, di una capra o di un asino. Questi lavori così particolari, queste figure composite che mischiano l’universo animale e umano

sono dunque sempre il segno di una sintesi poetica, che consente di vedere in una sola immagine diversi livelli di rappresentazione.

Marc Chagall. Temi biblici.

Chagall ebbe sempre a cuore i temi legati all’ebraismo e alla Bibbia: «Mi è sempre sembrato e mi sembra tuttora che la Bibbia sia

la principale fonte di poesia di tutti i tempi [...] essa è stata l’alfabeto colorato in cui ho intinto i miei pennelli». Tutta la Bibbia è il

grande codice, cioè il punto di riferimento imprescindibile della nostra cultura, è la stella polare a cui si sono orientati tutti, credenti

e non, quando hanno cercato il bello, il vero e il bene, magari anche per respingere questa guida e vagare altrove. Quando, nel

1930, il mercante d’arte ed editore Ambroise Vollard gli propose di illustrare proprio il libro sacro dell’ebraismo (impresa titanica

che, dopo Rembrandt, non fu più tentata da alcun artista), Chagall accettò con comprensibile entusiasmo e umiltà. Ma prima di iniziare

il lavoro, nel 1931 si imbarcò per la Palestina. Non fu soltanto un’esperienza spirituale, un pellegrinaggio o un ritorno alla terra

d’origine, ma anche un’esperienza plastica: scoprì i paesaggi riarsi, essenziali, immersi in una luce sfolgorante. Le scene bibliche,

incentrate sul tema dell’Uomo come creatura di Dio, sono quadretti di vita di un villaggio ebreo di quei tempi e quindi connesse a

un presente, a una quotidianità, di cui l’arte di Chagall riesce a svelare il mistero: «Chagall legge la Bibbia e subito i passi biblici

diventano luce per tutti», scrisse, a questo proposito, il filosofo Gaston Bachelard.

Così, le opere di Marc Chagall si liberano del restrittivo valore confessionale, superano i limiti angusti di rappresentazione della religione

ebraica, per abbracciare e acquisire un significato spirituale e poetico universale, proprio di ogni uomo e di ogni tempo.


In collaborazione con la Réunion des Musées Nationaux e con il Museo Marc Chagall di Nizza.


I Capricci di Goya, dove l’uomo assume sovente le fattezze di un asino. In questa stessa tradizione provano a inserirsi
MAN

via Satta, 27. 08100 Nuoro | tel. +39 0784 252110

orari 10:00-13:00 16:30-20:30 | lunedì chiuso


_Museo d’Arte Provincia di Nuoro
Marc Chagall, Projet pour la couverture du “Chagall” de Franz Mayer, 1961, Collezione privata (2008 by SIAE)




14-04-2008
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
31-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=582