Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    30 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Il costume sardo – L’arte che ispira l’arte

Al Murats di Samugheo

“Il costume sardo. L’arte che ispira l’arte”: è il titolo della mostra di incisioni di Guido Colucci, artista napoletano formatosi in area toscana nello studio di Giovanni Fattori. Le opere vennero realizzate negli anni 30’ del Novecento sull’abito tradizionale sardo. Il Comune di Samugheo e il Murats (Museo unico regionale dell’arte tessile sarda) hanno organizzato e allestito l’esposizione, in collaborazione con la Carlo Delfino editore.

La mostra, visitabile fino al 22 marzo, racconta una parte del grande lavoro svolto da Colucci durante una serie di soggiorni in Sardegna. Infatti, durante queste visite nell’Isola l’artista si appassionò al costume sardo, tanto da riuscire  a realizzare in breve tempo le incisioni di 43 costumi.

Nei suoi spostamenti ebbe modo di conoscere e apprezzare una grande varietà di tipologie del vestiario di molti centri di diverse zone della Sardegna: Samugheo, Bitti, Bono, Orgosolo, Ittiri, Sennori, Cagliari, Iglesias, Milis. Di questo importante lavoro sono stati tirati dalle lastre originali solo 90 esemplari per ciascun incisione, punzonati e autenticati dal maestro incisore Enrico Piras, e di questi 43 sono esposti nella mostra.

I lavori di Colucci consegnano un’ampia testimonianza di come erano fatti gli abiti tradizionali, vista la grande attenzione nella rappresentazione dei dettagli che va oltre a qualsiasi documentazione fotografica. Un interessante spaccato da cui poter attingere per la conoscenza storica dell’abito tradizionale sardo, importante simbolo di identificazione culturale. 

Il giorno dell’inaugurazione della mostra, lo scorso 7 marzo, sono stati proiettati alcuni estratti dei filmati dell’Istituto Luce dal titolo “ La Sardegna del 900”. Un’opera raccolta in quattro dvd, che propone filmati girati tra il 1928 e la fine del secolo scorso, recuperati dagli archivi, principalmente dell’Istituto Luce, ordinati per sezioni, ripuliti e trasferiti con le più moderne tecniche su dvd. Un’iniziativa realizzata dopo anni di studi e di ricerche, grazie alla collaborazione di autori e ricercatori appassionati.

 

MURATS Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile Sarda

ORARI: 10-13/16-19 chiuso il lunedì e martedì

Facebook: Murats Museo dell’Arte Tessile

www.murats.it  Tel. 0783 631052

 

 




10-03-2015
 

Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
30-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=3272