Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    20 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


In Terra straniera

Storie di dominio e resistenza nell'Italia di oggi

In terra straniera è il titolo della mostra di Andrea Polzoni ospitata alla Galleria S’Umbra di Cagliari (Via San Giuseppe, 17) fino al 12 ottobre. Un fotoreportage dove l’autore “racconta storie di dominio e resistenza quotidiana nell'Italia di oggi e documenta situazioni difficili di sopravvivenza, quelle ignorate dai media o stravolte dai poteri forti”, spiega la curatrice Emanuela Falqui.

 

“In Terra straniera” (visitabile dal martedì alla domenica dalle 18 alle 21) è una selezione dei numerosi reportage di Polzoni: Mondominio Hotel House, grattacielo popolato da duemila immigrati di 40 nazionalità (Porto Recanati, 2014); False Griffe, venditori abusivi di prodotti griffati a Forte dei Marmi, meta dello shopping d'alta moda (2014); La Fabbrica recuperata Ri Maflow, fabbrica svenduta dai proprietari e poi occupata da alcuni operai che, in auto-organizzazione, si sono ricreati un lavoro (Milano 2013); Passi Corti, centro di accoglienza per minori (Roma 2013); In terra straniera – Profughi eritrei a Roma, condizioni di vita di profughi e rifugiati (Roma 2010 – 2013); Abitare la crisi, occupazioni e realtà di emergenza abitativa (2010); Lo Sguardo e il Destino, lavoro dei braccianti agricoli africani (Calabria 2009).

 

“Il processo usato per costruire un reportage – scrive nella presentazione Emanuela Falqui - è quello di chi si prende il tempo per conoscere di persona i soggetti ritratti, si documenta e scrive i suoi appunti, condivide il lavoro prima di tutto con le parti interessate, smette di fotografare se è necessario e, quando è possibile, espone le fotografie per la prima volta nei luoghi che lo hanno ospitato, e non importa se le pareti sono di un container, di uno stabile occupato o le baracche dei senza tetto”. “Come i bravi fotografi – continua la curatrice -Andrea Polzoni possiede il dono della sintesi, le sue fotografie sono vitali, poetiche, semplici e al tempo stesso profonde come le persone che le animano; sono una preziosa testimonianza sulla nostra storia”.




03-10-2014
 

Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
20-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=3166