Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    30 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Itinerari della passione

In mostra l’opera artistica di Liliana Cano

Comune di Samugheo

MURATS Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile Sarda

presentano

ITINERARI DELLA PASSIONE

Liliana Cano

dal 15 marzo al 21 aprile 2014

Inaugurazione sabato 15 marzo ore 11:00

Museo MURATS

 

IN MOSTRA AL MUSEO MURATS LA GRANDE ARTISTA SASSARESE CON UNA SERIE DI LAVORI SULLA VITA DI CRISTO: 25 GRANDI ACRILICI SU TAVOLE CHE RAFFIGURANO I MOMENTI CRUCIALI DELLA PASSIONE E I PERSONAGGI CHE IN VARI MODI SONO I TESTIMONI DELLA SUA VITA.

Il Comune di Samugheo e il Museo MURATS presentano la mostra ITINERARI DELLA PASSIONE della pittrice Liliana Cano. La mostra verrà presentata in occasione delle celebrazioni della Quaresima e della Pasqua con l’esposizione di una serie di lavori inediti, espressione di un impegno coinvolgente, che sempre caratterizza l’opera artistica di Liliana Cano. Tutte le opere sono state concepite e realizzateper il Convento San Francesco di Ittiri, luogo in cui verranno collocate in modo permanente dopo la mostra. Questo appuntamento sarà quindi un’occasione unica per vederle prima della definitiva sistemazione.

L’evento sarà inaugurato sabato 15 marzo alle ore 11:00, presso il Museo MURATS, e sarà allestita al piano terra. Allo stesso tempo si potrà visitare la collezione del Museo con l’esposizione di pregiati manufatti tessili della Sardegna sia al piano terra che al primo piano del Museo. Interverranno l’Arcivescovo di Oristano S. E. Mons. Ignazio Sanna, il Magnifico Rettore dell’Università di Sassari Prof. Attilio Mastino, Prof. Aldo Sari Docente di Storia dell’arte medioevale e moderna, F.F. Francesco Sechi e l’artista Liliana Cano.

Il titolo della mostra, ITINERARI DELLA PASSIONE, vuole mettere in evidenza un passaggio molto importante della liturgia cristiana che sottolinea l’importanza dell’azione con cui il Cristo si pone al servizio dell’uomo quando si offre al Padre in sacrificio sulla Croce, portando sulla Croce ogni peccato e sperimentando sul suo corpo tutte le conseguenze del male nella Storia.

L’Itinerario della Passione, propostoci da Liliana Cano nelle sette grandi Tavole, si ispira alla esperienza mistica di S. Brigida tramandataci nella formula delle sette preghiere. Mentre altre sedici Tavole rappresentano coloro che sono stati testimoni della Passione, Morte e Resurrezione del Cristo. Coloro che, se pur lo hanno rinnegato ed abbandonato nello scandalo della Passione, ne hanno accolto il messaggio di salvezza annunciandolo a tutte le genti, e col loro martirio ne hanno testimoniato l’efficacia.

 Con queste tavole si vuole sottolineare il sacrificio, attraverso un’attenta raffigurazione del corpo di Cristo, che poi è il tramite attraverso cui il figlio di Dio si è messo in relazione con gli uomini. Infatti i lavori in mostra, attraverso l’intenso linguaggio figurativo, descrivono i momenti più drammatici della Passione dove la compostezza e il dolore fisico prefigurano la conoscenza della verità unendo in un’unica immagine, forma materiale e realtà spirituale. Lavori che, oltre ricordare la Pasqua come momento cruciale della Cristianità, vogliono evidenziare e mettere il visitatore di fronte all’uomo e al corpo del Salvatore inteso anche nella sua fisicità. Le opere di Liliano Cano testimoniano infatti alcuni momenti essenziali della vita di Cristo, dalle scene tratte dall’Itinerario di Santa Brigida fino alla rappresentazione di quelli che possono essere definiti i testimoni della suo vita, tra apostoli, discepoli ed evangelisti. Opere che lo rappresentato bambino come nella Circoncisione fino alla raffigurazione del supplizio della Flagellazione, dell’Incoronazione di spine e della Crocefissione.

 Per il Sindaco di Samugheo Antonello Demelas e il Direttore del MURATS Baingio Cuccu questa mostra, oltre che a celebrare una grande arista del nostro tempo come Liliano Cano, vuole evidenziare la vicinanza del Museo a quelli che sono sentiti come momenti cruciali della comunità, momenti che segnano il vivere comune della nostra cultura e che quindi meritano un’indagine attraverso l’occhio dell’arte contemporanea.




17-04-2014
 

Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
30-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=3041