Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    30 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Bête Noire

installazione fotografica di Giovanni Coda

Inaugura sabato 1 maggio alle ore 19.00 nella galleria Espace S&P di Suoni & Pause, in Via Savoia 19 a Cagliari, l’installazione fotografica “Bête Noire” di Giovanni Coda. Inserita nei festeggiamenti per i venti anni di attività artistica, Bête Noire è il secondo appuntamento evolutivo  del progetto “Il Rosa Nudo” inaugurato nel novembre del 2007 con la rappresentazione teatrale omonima ed ora presentato nella sua forma di installazione fotografica. 18 scatti strutturati per definire l’autobiografia di Pierre Seel deportato omosessuale nel campo di concentramento di Schirmeck nel 1941.



Il giorno in cui fui arrestato, insieme ad altri, fummo portati alla stazione di polizia e picchiati.

"Sulle prime pensammo di poter sopportare le violenze, ma in seguito divenne impossibile. La macchina della violenza ebbe una accelerazione. Urtati dalla nostra resistenza, le SS cominciarono a strappare le unghie ad alcuni prigionieri. Furiosi divelsero le assi su cui ci avevano costretto a stare in ginocchio e le usarono per stuprarci. Le budella straziate. Il sangue sprizzò dappertutto. Nelle orecchie sento ancora quei gemiti e quelle urla di dolore."

Testo adattato da Giovanni Coda e tratto dall’autobiografia di Pierre Seel



Nei 18 scatti presentati in questa installazione sono presenti i semi di quello che sarà la terza ed ultima parte del complesso lavoro che Giovanni Coda porta avanti da quasi tre anni ovvero la realizzazione del Lungometraggio dal titolo “Il Rosa Nudo” che attualmente è stato girato nella sua prima parte e che entro l’estate verrà concluso per essere presentato in ottobre a chiusura della rassegna “Retrospectique: Giovanni Coda.”

Giovanni Coda, regista e fotografo, ha iniziato la sua carriera nel 1990, vincendo diversi premi nei concorsi nazionali di cortometraggi. Dirige il V-art festival, da lui fondato nel 1996, e ha prodotto e diretto il lungometraggio “Big Talk – el amor que desune”. Ha esposto le sue opere in Italia e all’estero.

L’esposizione sarà visitabile fino a 13 maggio


Apertura della mostra Martedì – domenica dalle 19 alle 21

Ingresso libero

Si effettuano visite su appuntamento vedi Box info



01-05-2010
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
30-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=2462