Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    31 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


un ciclo di conferenze organizzate dal Comitato scientifico per Monumenti Aperti

Il Comitato Scientifico Regionale di Monumenti Aperti propone a partire dal prossimo 20 gennaio nel Centro Comunale d’Arte e Cultura Il Ghetto, via Santa Croce 18, a Cagliari, un ciclo di conferenze dal titolo Le identità locali – città e paesi si raccontano. L’iniziativa costituisce la prosecuzione e l’ampliamento dell’analoga e precedente rassegna La storia si racconta, spunti sulle identità di Cagliari, che si è svolta per tre anni consecutivi dal 2007 al 2009.


 


La manifestazione ha l'obiettivo di fornire ai docenti che prendono parte a Monumenti Aperti, così come agli appassionati di storia, una serie di informazioni esaustive e aggiornate da un punto di vista scientifico e metodologico, proposte in termini divulgativi, contenuti e approcci conoscitivi sull’arte, la storia e il paesaggio della città di Cagliari e della Sardegna attraverso i secoli.


 


Le prime nove conferenze (tutte della durata di 50 minuti), raccolte in cinque appuntamenti, avranno ad oggetto Cagliari. A queste faranno seguito (date e relatori verranno comunicati successivamente) alcuni appuntamenti nel resto dell’Isola.


 


Si inizia dunque mercoledì 20 gennaio alle ore 16 con Donatella Mureddu (Soprintendenza Archeologica Cagliari e Oristano) che terrà un incontro dal titolo I segni della città: lettura di Cagliari e dei suoi luoghi della cultura attraverso la Topografia; alle ore 17 sarà la volta di Roberto Coroneo (Università di Cagliari) che racconterà Come si “legge” una chiesa Romanica.


Secondo appuntamento mercoledì 27 gennaio quando alle ore 16 Franco Masala (ANISA – Associazione Nazionale Storia dell’Arte) parlerà di Chiese e conventi urbani – Storia arte e architettura. Mentre alle ore 17 sarà il turno di Marcella Serreli (Soprintendenza BAPSAE di Cagliari e Oristano) con Le scuole artistiche di Stampace.


 


 


Mercoledì 10 febbraio alle ore 16 Cecilia Tasca (Università di Cagliari) terrà un incontro dal titolo La metodologia della ricerca delle fonti archivistiche; a seguire (ore 17) Ester Gessa (Biblioteca Università di Cagliari) parlerà invece di I luoghi della ricerca.


Ultimo appuntamento mercoledì 17 febbraio con Francesco Randaccio (Centro Servizi Cultura SPECUS) che, a partire dalle ore 16  proporrà un itinerario fra gli Ipogei di Cagliari. Alle ore 17  Tiziana Sassu (AmbientAzione) terrà un incontro dal titolo P come paesaggio Spunti e suggerimenti per la scoperta di un territorio.


 


Riservato invece ai soli docenti di ogni ordine e grado, martedì 2 febbraio, sempre nel Centro Comunale d’Arte e Cultura Il Ghetto (inizio ore 16) si terrà un incontro di presentazione dell’edizione 2010 di Monumenti Aperti che verterà sugli aspetti tecnico organizzativi della manifestazione. Saranno presenti il dirigente dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari Gerolamo Solina, Fabrizio Frongia (presidente Associazione Imago Mundi) che interverrà sulle Tecniche e funzionamento della manifestazione, e Luisa Marini (Italia Nostra) che parlerà sul tema della Didattica dei beni culturali e ambientali.






Maggiori informazioni:


 


Segreteria organizzativa Cagliari Monumenti Aperti info@monumentiaperti.com


Centro Comunale d'Arte e Cultura Il Ghetto, via Santa Croce 18, Cagliari tel. 070 6402115


17-01-2010
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
31-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=2356