Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    31 ottobre 2020
Home > Primo piano: Arte >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO ARTE

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Elio Pulli, pittore ceramista

in mostra un centinaio di ceramiche



Venerdì 17 luglio 2009 alle ore 19.00
al Centro Culturale d’Arte e Cultura Exmà, il Sindaco di Cagliari, Emilio Floris e l’Assessore alla Cultura, Giorgio Pellegrini, inaugureranno la mostra “Elio Pulli, pittore ceramista”.

 

In mostra un centinaio di ceramiche della produzione di questi ultimi anni.

Elio Pulli discende dalla tradizione delle “Botteghe delle Arti minori”: un apprendistato che segna tutta la sua produzione e lo predispone a un rapporto con l’arte diverso da molti pittori e scultori del periodo che precede e segue il secondo dopoguerra.

Nipote di Giuseppe, maestro elementare di Lecce, che aveva aperto una scuola divenuta punto d’incontro di artisti e di uomini di cultura dell’epoca, e figlio di Giovanni, che iscrittosi alla Bottega dello scultore Guacci per apprenderne l’arte, nel   1929 ricevette, dallo stesso Guacci, un incarico che lo portò a Sassari, dove si stabilì e aprì, a sua volta, una Bottega. Tutti gli artisti dell’epoca frequentavano la Bottega di Giovanni Pulli, dove si incontravano Eugenio Tavolara, Filippo Figari, Stanys Dessì, Costantino Spada, G. Magnani, Libero Meledina, G. Più, Video Anfossi, Francesco Becciu, Busia, Fabio Lumbau.

Cresciuto in questo cenacolo d’arte, dove convivevano musica, pittura, scultura, ceramica e artigianato, Elio Pulli, dimostrò subito di avere un talento non comune e una predisposizione eccezionale, tale da consentirgli di impadronirsi di varie tecniche, nelle quali riversare la sua fantasia e le sue qualità. Queste ultime, lo portarono a continuare ad occuparsi della Bottega fondata dal padre e, nel 1952, appena diciottenne, a vincere il Premio Michetti a Francavilla a Mare, fino a divenire un maestro capace di padroneggiare le arti con ampio respiro.

La sua produzione artistica, che spazia dalla pittura ai mobili, risente dell’influenza di pensiero desunta dalla filosofia presocratica: un perenne mutamento della materia. Nell’esaminare le sue opere, infatti, si scorge lo spirito di un artista curioso e attento alle sperimentazioni che fonde, con maestria, le reminiscenze della cultura classica con le novità provenienti dalle culture di ogni angolo del mondo.

Nella scultura, Elio Pulli affronta tecniche e temi diversi a seconda della committenza. Le rappresentazioni di simulacri religiosi sono da ricollegarsi alle maniere sei-settecentesche, in altri esempi la statuaria riprende forme rientranti nelle correnti delle avanguardie del XX sec.

Tra le molteplici attività, Pulli, si è dedicato anche alla ceramica, rielaborando forme e tecniche della tradizione antica con composizioni geometriche e cromie di grande effetto coloristico. Le sue realizzazioni soddisfano sia l’aspetto funzionale tipico del vaso, sia quelli di una forma che trascende l’utilizzo proprio per assumere quello di una sorta di scultura: un oggetto da ammirare per se stesso al di là dell’utile. All’essenziale condizione plastica dei vasi si aggiunge la qualificazione delle superfici attraverso il disegno e il colore.

 L’artista ha studiato le patine del mondo antico a base di blenda di ferro e manganese sui toni del rosso e del nero, non tralasciando l’effetto della lucentezza metallica e non trascurando l’effetto della vernice nera dei vasi attici e la vernice rossa dei vasi aretini del principio dell’età imperiale romana. Un cenno particolare merita, infine, la decorazione, sia dipinta che graffita, che crea continui effetti differenti con un gioco di ritmi che riconduce il passato al presente con mirabile disinvoltura.

 

Organizzazione: Arteficio, Associazione culturale

 

 

Dal 17 luglio al 30 agosto 2009

Orari di apertura: 10.30 – 13.00 / 18.30 – 24.00


15-07-2009
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
31-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=4&id=2081