Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    16 settembre 2019
Home > Primo piano: Teatro >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO TEATRO

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


OgliastraTeatro anno ottavo

Ogliastrateatro, giunto al suo ottavo anno, si distende nel tempo e nello spazio lavorando nell’intimità dell’animo e aprendosi ai panorami dei suoi straordinari ambienti circostanti.



Il progetto, nato nel 2000 sulla spinta di uno specifico decreto ministeriale finalizzato a supportare lo sviluppo delle attività teatrali nel Sud Italia, è ideato, diretto e realizzato dalla compagnia cada die teatro di Cagliari che riprende, rinnovandola, la sua già sperimentata capacità di organizzare festival teatrali dopo la fortunata pluriennale esperienza delle tappe sarde di Viaggio in Italia con il festival di Sant’Anna Arresi.

Anche Ogliastrateatro, avviato inizialmente a Tortolì e che via via ha intessuto collaborazioni con diversi altri paesi (Perdasdefogu, Lanusei, Jerzu, Ulassai e ora anche Osini) ha mostrato negli anni la volontà di diffondere il teatro in tutto il territorio sviluppando progetti originali con la comunità, la natura e la cultura del luogo e ospitando le più interessanti realtà del panorama artistico nazionale e regionale.

Il progetto, che negli ultimi anni si caratterizza prevalentemente per il Festival che si svolge nel mese di agosto, si è affermato come una delle più importanti manifestazioni teatrali che si realizzano in Sardegna ed è inserito fra le manifestazioni di grande interesse regionale.



Il Festival



Dare certezza ai sogni vuol dire avere la forza e il desiderio di farli vivere. Ci sono festival in Sardegna a cui va data quell’attenzione che si dà ai fiori più preziosi. Poi se quei boccioli fioriscono tra le rocce dei Tacchi d’Ogliastra, allora occorre ancor più riguardo, perché i suoi colori e il suo profumo sorprenderà per la sua imprevedibilità.



Attraversare confini, incamminarsi su sentieri antichi che portano a nuovi luoghi, alla ricerca di una condizione che dia serenità e piacevolezza all’esistenza umana. A questo scopo, arte e natura possono fare molto, poi quando i due “ambienti”, quello naturale e quello culturale, s’incontrano allora l’effetto diviene dirompente e ancor più seducente.

Essere sedotti dall’arte per poter poi sedurre la vita, per non restare avvinghiati a ciò che è vuota perdita di noi stessi e dell’attenzione verso chi ci circonda. Sciogliersi per ritrovarsi. Otto giorni di teatro in luoghi unici, per momenti d’incontro che ancora ci “raccontino” che il teatro non solo è opportuno ma infinitamente necessario.

Intenzioni e speranze, che ci spingono a fare miracoli con soldi di cui non conosciamo ancora la reale entità. Un azzardo che ci assumiamo, nel tentativo di offrire alla Sardegna un prodotto degno di quel che la sua gente ampiamente merita. Il bisogno di trovare nuove formule, per

progetti che non liquidino il prodotto artistico dentro la fiera dell’intrattenimento, ci spingono ad un contatto ancora più forte con l’ambiente naturale che circonda i paesi di Jerzu, Ulassai e Osini.



Mettersi nella condizione di presentare ogni avvenimento nella maniera giusta, in modo che lo spettatore possa goderne nella forma migliore. Per un’idea Festival non solo come occasione d’incontro tra chi vi agisce e chi vi assiste ma anche come opportunità di confronto con le più interessanti realtà del panorama artistico nazionale. Confrontarsi per crescere, per verificare “lo stato dell’arte” di chi lavora e ricerca in Sardegna.



Ogliastrateatro come importante occasione per crescere e far crescere, opportunità da cogliere per trarne il maggior insegnamento possibile e d’altra parte per mostrare la qualità delle produzioni che si realizzano nell’isola e che hanno poco da invidiare alle più prestigiose che affollano il panorama nazionale; lavori che negli ultimi anni hanno consolidato ulteriormente le proprie specifiche caratteristiche, giocando il proprio ruolo nello sviluppo dei linguaggi della contemporaneità.



Il Festival dei Tacchi come formidabile incontro tra umiltà e audacia. L’umiltà di chi è consapevole che ha ancora molto da imparare e l’audacia nell’esprimere in forma pensiero, attraverso il proprio lavoro, “l’urgenza” di dare ancora rappresentazione ai sogni.





PROGRAMMA



sabato 4 agosto



ore 19.00_Osini_Piazze del Paese

Cada Die Teatro

Pitzinnos Farhenheit



ore 21.30_Jerzu_ Cortile liceo scientifico

Marco Baliani

Tracce



domenica 5 agosto



Jerzu_Sagra del vino



lunedì 6 agosto



ore 17.00_Ulassai_Sala Consiliare

Marco Baliani

Presentazione del libro e del film L’amore buono



ore 20.00_Jerzu_Museo Etnografico

Cantiere “belli da mettere in scena”

Il pescecane



ore 21.30_Jerzu_Cortile Liceo Scientifico

Trickster Teatro

Rapsodia per giganti



martedi' 7 agosto



ore 19.00_Jerzu_Museo Etnografico

Cantiere “belli da mettere in scena”

Nessun rimorso!



ore 21.30_Ulassai_Stazione dell’arte

Marco Baliani

kohlhaas



mercoledì 8 agosto



ore 17.00_Ulassai_Sala Consiliare

Rossolevante

Colui che sapeva contare



ore 21.30_Ulassai_Stazione dell’arte

Giovanni Carroni e Gavino Murgia

Mialinu e Crapinu



ore 23.00_Jerzu_Cortile Liceo Scientifico

Cantiere “cuori di panna smontata”

Attaccati alla coda dell’asino



giovedì 9 agosto



ore 19.00_Jerzu_Museo Etnografico

Cantiere “belli da mettere in scena”

Amore



ore 20.00_Ulassai_Grotta Su Marmuri

Cada Die Teatro

Famiglia Puddu



ore 22.00_Ulassai_Stazione dell’arte

Lorenza Zambon_Casa degli Alfieri

7 volte bosco 7 volte prato



venerdì 10 agosto



Jerzu _ Calici sotto le stelle



ore 17.00_Jerzu_Bosco di Sant’Antonio

Lorenza Zambon_Casa degli Alfieri

Il giardino segreto



ore 20.00_Jerzu_Piazze del Paese

Teatro del Sottosuolo

Janas



sabato 11 agosto



ore 19.00_Ulassai_Sala Consiliare

Cada Die Teatro

Dedicato a Gigi



ore 22.00_Jerzu_Museo Etnografico

Danio Manfredini

Tre studi per una crocifissione



Cantieri



Dal 3 al 9 agosto Cantiere “Belli da mettere in scena” diretto da Giancarlo Biffi

Dal 3 all’8 agosto Cantiere “Cuori di panna smontata” diretto da Mauro Mou



Laboratori



Dal 6 al 9 agosto Laboratorio dedicato ai bambini “Il gioco del teatro” diretto da Silvestro Ziccardi

Dal 5 al 9 agosto Laboratorio “Il lavoro dell’attore” diretto da Danio Manfredini







Il festival OgliastraTeatro è sostenuto da:



Comune di Jerzu

Comune di Ulassai

Comune di Osini

Provincia dell’Ogliastra

Regione Autonoma della Sardegna

Assessorato alla Cultura e Spettacolo

Assessorato Turismo Artigianato e Commercio




19-07-2007
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
16-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=2&id=94