Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    16 settembre 2019
Home > Primo piano: Teatro >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO TEATRO

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Prossimi appuntamenti a La Vetreria

a cura dell'organizzazione Cada die teatro

Giovedì 27 marzo, ore 20.30 - Teatro La Vetreria



Posidos

cada die teatro e Su Cuncordu Iscanesu  

di e con Pierpaolo Piludu, regia Giancarlo Biffi.

Pòsidos, “tesori”, è frutto di una ricerca sulle modalità del raccontare degli anziani narratori e narratrici di Scano Montiferro, un paese della Sardegna centro occidentale. Le storie di Pòsidos parlano di santi, di banditi, ci portano indietro in un tempo, neanche troppo lontano, quando era ancora frequente che i morti, sas animas, comparissero ai vivi, quando il Montiferru era un’unica grande foresta, prima che arrivassero le squadre di tagliaboschi mandate da Cavour… Piludu, con la suggestione delle quattro voci del canto a tenore de Su Cuncordu Iscanesu, accompagna gli spettatori nel mondo magico di quei contos antigos che sino a qualche decennio fa venivano raccontati ovunque in Sardegna.



°°°

Domenica 30 marzo 2008, ore 19.00 - Teatro La Vetreria



Scuola di arti sceniche La Vetreria -  belli da mettere in scena


Un viaggio, un'esplorazione dentro le pareti di un testo letterario non nato per essere rappresentato, preso in esame per essere indagato.

Si proverà a penetrarne il corpo, verificando le sue diverse possibilità di rappresentazione.

Commensale

da “La quattordicesima commensale” di Gianni Marilotti ed. Il Maestrale

con Fabio Buonanno, Marco Condello, Valentina Fasciolo, Juri Orrù, Anna Pala e Gloria Uccheddu

suono di Emiliano Biffi

disegno luci di Giovanni Schirru

Se è possibile un “essere fuori” più del tredicesimo commensale (il reietto), la "quattordicesima commensale" è il compendio vero di una vita "fuori". Franca Bellisai, vita di esclusioni e inappartenenze ma in costante ricerca di appartenenze e inclusioni: ideologiche e affettive. Negli anni '70 la giovane studentessa vorrebbe stare dentro la lotta armata, in prima linea, come il compagno di vita Vittorio Rullo. Fuggiasca in Francia, vorrebbe stare dentro la riorganizzazione del movimento. Romanzo d'esordio, "La quattordicesima commensale" ha vinto il Premio Calvino 2003.

Alla fine della rappresentazione farà seguito l’incontro con l’autore del libro




27-03-2008
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
16-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=2&id=850