Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    15 luglio 2020
Home > Primo piano: Teatro >
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRIMO PIANO TEATRO

 
Cinema Musica Teatro Danza Arte


Fuori Luogo

rassegna di Teatro da Camera

 

 

Entra nel vivo “Fuori Luogo”, la rassegna di Teatro da Camera organizzata da La Fabbrica Illuminata. A Palazzo Chapelle, in piazza del Carmine 22 a Cagliari, reading, assoli, proiezioni, serate musicali, incontri con gli autori dedicati a quanti vivono ai margini delle città. A partire da giovedì 18 dicembre quattro appuntamenti pensati per condividere il senso di spiazzamento di tanti immigrati, proporsi come alternativa civile al manifesto dell’odio redatto in troppe prese di posizione pubbliche e private, e mettere in primo piano gli importanti contributi culturali che l’immigrazione porta con sé.

 

Giovedì 18 e venerdì 19 dicembre - ore 21

La poesia dell’Islam - Recital letterario

con

Valentina Fenza, Paola Masala, Daniela Musiu

Irma Toudjian al pianoforte

musiche originali di Irma Toudjian

 

Un'antologia dei maggiori rappresentanti della classicità della poesia in contesto islamico. Undici secoli di letteratura ispirata alla cultura coranica in un excursus necessariamente riassuntivo, di temi, archetipi e elementi di fusione e contaminazione continua fra l'una e l'altra cultura. Un recital pensato non solo per antologizzare la poesia nata sulle sponde del Mediterraneo, ma compiere, un viaggio nelle innumerevoli patrie dell'Islam, dalla Persia all'India, dall'Andalusia all'Azerbaigian, indispensabile per orientarsi in una complessa tradizione letteraria che oggi risulta misteriosissima e lontana e che per Dante, uno dei padri della cultura occidentale, rappresentava lettura e confronto quotidiano sui temi a lui più cari. Il reading, frutto di un lungo lavoro di preparazione, con ripetute letture pubbliche, è stato affidato agli Allievi della Scuola per l’Arte dell’Attore.

 

 

Sabato 20 e domenica 21 dicembre – ore 21

Viaggio in Europa – Recital letterario

con

Elena Pau - voce recitante

Matteo Gallus - violino

Riccardo Sanna - fisarmonica

 

Un incontro musicato e recitato che parla della cultura dei “rom”, in viaggio per le strade, i paesi e le città, le coste e i mari, le campagne i monti e i deserti dell’Europa. Si va da una melodia dedicata al mare al testo di un antico fado portoghese, da una danza della Galizia alla danza klezmer (Fraylele) “Addio a Varsavia”, dall’esecuzione di “Szapora” (danza ungherese) ad alcune poesie rom: “Libertà”, “La Nave dei Folli” (una canzone dedicata ai Lautari Zingari suonatori della Romania); “Belasicko Horo” (danza Macedone/Bulgara).

 

Sabato 27 dicembre - ore 21

“Il blues” - Recital letterario con musica dal vivo

con

Elena Pau voce recitante

accompagnata dal Francesca Corrias Quartet

Francesca Corrias - voce

Sandro Mura - pianoforte

Filippo Mundula - contrabbasso

Gianrico Manca - batteria

 

Blue significa triste, ma non solo. E' quel particolare stato d'animo che riassume una storia di ingiustizie pubbliche e private, che porta un uomo vivo di natura e d'innocenza primitiva ad essere animale in un paese "industrializzante". Un’antologia dei più significativi canti d'amore e dolore dei negri schiavi d'America che hanno segnato la nascita della musica americana moderna. Dopo il XVIII secolo, alcuni negrieri, possessori di colonie sulle coste occidentali africane, cominciarono a trasportare neri da vendere in America, dove la mano d'opera scarseggiava. E' proprio allora che l'uomo di colore perde il suo status d’essere umano, per venir considerato alla stregua di una bestia. La condizione di emarginazione sociale che essi sperimentarono in quegli anni, insieme con il comune sentire dell'ingiustizia, la condivisione delle tradizioni, dei modi di vivere ed in genere di ogni cosa portarono alla formazione, in questi stati, di comunità nere che svilupparono, al loro interno, una nuova cultura: la cultura di un popolo che non ha più una terra. Come ogni nuova cultura essa si basava soprattutto sul linguaggio: gli schiavi neri impararono un inglese particolare, uno slang definito nigger english o american english. Inoltre fecero loro la religione cristiana, rendendola quasi una religione animista, o panteista; sicuramente una religione molto diversa da quella che noi intendiamo quando parliamo di cristianesimo. La nuova lingua e la nuova religione confluirono insieme a formare quello che fu il canto blues, intriso di nera disperazione. E' per questo che ogni blues delle origini vive di blue mood e di groove.

 

 

Domenica 28 dicembre – ore 19 

VISIONS OF JAZZ

Concerto con musiche originali di Gianrico Manca

con il quintetto Breakdown

Alessandro Angiolini - sax tenore

Carlo Ditta - chitarra

Mauro Mulas - piano elettrico

Alessandro Atzori - contrabbasso

Gianrico Manca - batteria

 

 

 

Domenica 28 dicembre – ore 20.30

LA VALIGIA DELL’ATTRICE

rivista da camera a cura di Marco Parodi

con

Elena Pau canto e recitazione

Alberto Pibiri pianoforte

Alessandro Atzori - contrabbasso

Marcello Mameli - batteria

Direzione musicale - Salvatore Spano

 

Domenica 28 dicembre - ore 21:30 

Sotto le stelle del jazz

Jam Session

con

Marco Argiolas - clarinetto e sax

Ennio Atzeni - pianoforte

Paola Atzeni - canto

Alessandro Atzori - contrabbasso

Carlo Ditta - chitarra

Lucia Fodde - canto

Marco Loddo - contrabbasso

Marcello Mameli - batteria

Gianrico Manca - batteria

Mauro Mulas - piano elettrico

Elena Pau - canto

Maurizio Piasotti - tromba

Alberto Pibiri - piano

Gianluca Pischedda - violoncello

 



15-12-2008
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
15-07-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=news&canale=2&id=1769&invio_mail=1