Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    16 settembre 2019
Home > Cartellone > Carne
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Carne

da Paura e carne di Giorgio Todde



 

Venerdì 14 marzo 2008 alle 21.00, presso il Teatro La Vetreria in via Italia 63 a Pirri, gli allievi attori della scuola di Arti sceniche la Vetreria (Sezione Belli da mettere in scena) diretti da Giancarlo Biffi presentano CARNE, da Paura e carne di Giorgio Todde (edizione Il Maestrale).

In scena Guglielmo Aru, Silvia Caredda, Francesca Dell'Orfano, Stefania Dettori, Silvia Fara e Alberto Lorrai impegnati in un viaggio dentro le pareti di un testo letterario non nato per essere rappresentato, preso in esame per essere indagato e verificato sulla scena.

Provare a verificare se serve al teatro e soprattutto se può essere ampliato o ristretto per servire le urgenze dell'attore. In una sfida che prende il romanzo, lo spezzetta, lo assaggia, lo ingerisce e lo digerisce per poi risputarlo impregnato degli umori, dei sapori e dei sentimenti dell'attore.

A conclusione della rappresentazione segue un incontro con Giorgio Todde, autore del libro.

 

Info e prenotazioni: 070 5688072 - 565507 - cdt@cadadieteatro.it

biglietto 5 euro



 

CARNE

da Paura e carne di Giorgio Todde ed. Il Maestrale

con Guglielmo Aru, Silvia Caredda, Francesca Dell'Orfano, Stefania Dettori, Silvia Fara e Alberto Lorrai

musiche di Emiliano Biffi

disegno luci di Giovanni Schirru

 

Nella seconda metà del 1800, a Cagliari, un giovane medico e studioso, Efisio Marini, dedito con crescente successo alla conservazione dei cadaveri, scopre l'autore di una serie di strani delitti - a cominciare da quello dell'avvocato Giovanni Làconi - dopo un susseguirsi di vicende e colpi di scena.

Marini non è un lento e rigido investigatore che tutto affida all'intuizione personale, ma un razionalissimo medico la cui fede, e il successo nel condurre l'indagine, poggia proprio sulle ineludibili verità della scienza. Accidentale è il suo coinvolgimento nella complessa vicenda criminale in soccorso all'autorità preposta. Ma egli perviene alle sue scoperte con naturalezza estrema: primato illuministico, appunto, della ragione.




13-03-2008
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
16-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=789