Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    24 novembre 2017
Home > Cartellone > Stagione del teatro contemporaneo
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Stagione del teatro contemporaneo

Al Teatro delle Saline di Cagliari

Il Teatro Stabile di Innovazione Akròama festeggia i quarant'anni di attività e presenta al Teatro delle Saline di Cagliari una stagione con oltre venti titoli diversi e più di novanta rappresentazioni. Un articolato programma di teatro contemporaneo, teatro per le famiglie, per ragazzi e bambini da ottobre ad aprile 2018. Musica, ironia, commedia, tecnologia, ritmo, viaggi, indagini e comicità in una combinazione di artisti e compagnie di qualità nazionale.

La stagione del “Teatro Contemporaneo” anche quest’anno si fa in tre: gli spettacoli proposti in totale sono sei,  ciascuno spettacolo sarà proposto in tre date, turno A (giovedì), turno B (venerdì) e turno C (sabato).
La rassegna inoltre in questa edizione vedrà, in via del tutto eccezionale, un forte sconto sui prezzi degli abbonamenti in virtù della ricorrenza del 40° anniversario dell’Akròma (1977-2017).

Lo spettacolo che inaugura la stagione sarà “L’amante” di Harold Pinter con la supervisione artistica di Lelio Lecis, in scena il 9, 10 e 11 novembre. Questa produzione Akròama vede in scena Lea Karen Gramsdorff e Simeone Latini. In quest’opera Harold Pinter vede, attraverso la sua sensibilità, il gioco di coppia senza ipocrisia ne giudizi preconcetti.
L’amante si regge su un gioco di riflessi di specchi, in cui non si sa dove il gioco abbia inizio o abbia fine. Tutto è possibile. Potremmo dire che rappresenta una critica alla borghesia del periodo. In realtà l’autore, non dando alcun giudizio di tipo etico e di costume, rimane tuttora attuale. Pinter va certamente a toccare un tema delicato, che riguarda l’inconscio  e l’interesse che mantiene vivo un rapporto di coppia, attraverso un gioco erotico del ribaltamento dei ruoli.

Si prosegue il 16, 17 e 18 novembre con “Hispanica”, una produzione Akròama con la direzione artistica di Marina Claudio. Hispanica è Flamenco, l’espressione dei sentimenti, la passione di un popolo “hispanico” oltre la ragione.

Il 23, il 24 e il 25 Novembre sarà poi in scena lo spettacolo “Manhattan Medea” di Dea Loher presentato dal Teatro Libero di Palermo con la regia di Beno Mazzone. Il mito di Medea esiste da sempre. Moltissimi autori di ogni paese e lingua hanno riscritto la propria Medea e moltissime compagnie l’hanno messo in scena con attori e attrici che hanno fatto rivivere il mito per una riflessione hic et nunc. E il teatro deve avere questa capacità e funzione, se lo si vuole considerare tale.

Il 7, 8 e 9 dicembre sarà la volta di una nuova produzione Akròama, che porta in scena “Farsa Nera” di e con Valentina Capone e Andrea Cosentino. Lo spettacolo è una riscrittura, in chiave tragicomica e alla luce del Macbeth shakespeariano, di un fatto di cronaca nera, “la strage di Erba”,avvenuta per mano di Rosa Bazzi e Olindo Romano l’11 dicembre 2006. Un primo nucleo di questo spettacolo, intitolato “Niente”, è stato presentato a luglio al Festival di Castiglioncello 2016. Farsa Nera è lo sviluppo di quel primo studio. Lo spettacolo deriva dalla residenza artistico creativa “Living Macbeth”, realizzata dalla compagnia Akròama e finanziato dalla Regione Sardegna e dall’Unione Europea.

Ad inaugurare il nuovo anno, il 15, 16 e 17 febbraio, una produzione Akròama del Teatro Impossibile: “Egregio Sig. Assessore” scritto e diretto da Elio Turno Arthemalle, uno spettacolo curioso e divertente, che mostra con sfacciataggine come si possa pensare, a tavolino, un prodotto commerciale: inventandosi questioni stilistiche per far cassa, liberandosi insomma da qualsiasi scrupolo artistico.

La stagione si chiude l’1, il 2 e 3 Marzo con uno spettacolo della compagnia Teatri di Bari (Teatri di Rilevante Interesse Culturale della Puglia) che presenta, “Anfitrione” con laregia di Teresa Ludovico.
Il doppio, la costruzione di un’identità fittizia, il furto dell’identità, sono temi che Plauto ci consegna in una forma nuova, da lui definita tragicommedia, perché gli accadimenti riguardano dei, padroni e schiavi. Giove, per la prima volta, decide di camuffarsi da uomo. Assume le sembianze di Anfitrione.


*La foto è di Luca Sgualdini


Per tutte le informazioni: www.teatrodellesaline.it 




03-11-2017
 


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2017 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
24-11-2017
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=3666