Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    30 aprile 2017
Home > Cartellone > ALTRI ESOTISMI
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



ALTRI ESOTISMI

Artisti sardi e Orientalismo

Un viaggio lungo 100 anni tra palpiti insurrezionali, politica coloniale e pittori viaggiatori, attirati dal mito di terre vergini e sconosciute, ma soprattutto esotiche. C'è tutto questo nella mostra “Altri esotismi. Artisti sardi e Orientalismo”, nuova tappa del progetto AR/S - Arte Condivisa in Sardegna, promosso dalla Fondazione di Sardegna L'esposizione, curata da Maria Paola Dettori, è ospitata a partire dal 2 marzo nelle sale dell'Ex Convento del Carmelo - Museo dell'arte del Novecento e del Contemporaneo (viale Umberto I) a Sassari : 100 anni raccontati da oltre 100 opere di alcuni dei protagonisti dell'arte sarda tra Ottocento e Novecento. Un viaggio che permette di ripercorrere molta storia nazionale, dall’Unità d’Italia alla disastrosa avventura imperialistica voluta dal Fascismo, sfociata poi nella II Guerra Mondiale. Una ricca documentazione guida il visitatore nel passaggio tra i due secoli: dipinti, sculture, ceramiche, fotografie, documenti, riviste e illustrazioni, costumi di scena per l’opera lirica.

La mostra racconta anche una Sardegna che da “meta di viaggio come facile luogo esotico, ora scopre gli esotismi degli altri”: è lo sguardo attraverso un cannocchiale rovesciato, che cerca l’”altrove” lontano dal proprio mondo, che allora già si avviava, lentamente ma inesorabilmente, al cambiamento. Non solo l'opera, fondamentale, di Giuseppe Biasi, in Nord Africa tra 1924 e ’27, ma, prima, Giovanni Marghinotti e il sogno risorgimentale della patria libera e redenta; lo sconosciuto Marius Ledda, pittore cagliaritano cronista di guerra a Tripoli durante gli anni dell’invasione della Libia (1911/13); e ancora la Tripolitania è protagonista con Melkiorre Melis, nei trionfi coloniali di Cesare Cabras, negli scorci assolati di Bengasi fermati da Mario Delitala. Insieme alla pittura il magnifico bestiario di bronzo di Albino Manca, e i raffinati e preziosi costumi di scena del tenore Bernardo De Muro, vere e proprie opere d’arte dovute al genio di Luigi Sapelli, mago del teatro italiano e della grande “Casa d’Arte Caramba”.

Scrive il presidente della Fondazione di Sardegna, Antonello Cabras: “Un punto di vista fuori dagli schemi consolidati, il coinvolgimento di studiosi di varie parti d’Italia e una scrupolosa ricerca scientifica hanno portato alla luce un percorso tematico inedito”. Un percorso tematico che, introdotto dalla documentazione e dagli scatti fotografici relativi a un’importante figura dell’Italia coloniale, il sassarese Giacomo Agnesa, si sviluppa secondo il filo della storia e la personalità, sempre diversa, dei singoli artisti.

La mostra sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica (lunedì chiuso), dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, fino al prossimo 15 giugno.

 

www.fondazionedisardegna.it 

 

 

 

 

 




02-03-2017
 


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2017 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
30-04-2017
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=3597