Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    16 settembre 2019
Home > Cartellone > Proseguono gli appuntamenti di "Sardegna Teatro in.corto/07"
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Proseguono gli appuntamenti di "Sardegna Teatro in.corto/07"

 
Proseguono gli appuntamenti con la seconda edizione di Sardegna Teatro in.corto/07 il premio concorso rivolto a giovani artisti locali promosso dal Cada die teatro e da InmediaArte.

A partire dalle 18.30, nella sala Rubino del Centro d'Arte e Cultura La Vetreria di Pirri, si esibiranno in performance di durata massima di 15 minuti i gruppi IMPROBABILE MA NON IMPOSSIBILE che porterà in scena Processo imperfetto, CRISTIANA COCCO che presenterà La banalità e UNO SU EPSILON ALLA SETTIMA - gruppo formatosi all'interno del dipartimento di matematica e fisica dell'Università di Cagliari - che rappresenterà Frigoriferi dell'altro mondo.

La serata proseguirà alle 21.00 al Teatro La Vetreria con lo spettacolo Arcipelaghi del CADA DIE TEATRO, tratto dall'omonimo romanzo di Maria Giacobbe; in scena Pierpaolo Piludu e Alessandro Mascia diretti da Alessandro Lay.

Giosuè, un ragazzino di quattordici anni, viene ucciso perché ha visto troppo; nessuno sa chi è stato. Tre mesi dopo nella notte di S. Antonio, la notte dei fuochi, un uomo viene freddato con un colpo di pistola.

La mattina successiva Oreste, anche lui di quattordici anni, si presenta lacero e bagnato fradicio a casa dei Rudas, amici di famiglia che vivono in un paese a parecchi chilometri dal suo.

Cos'è successo? Quella che pian piano iniziamo a immaginare è la verità? Applicare la legge, punire, equivale sempre a riparare all'errore? E qual'è il vero significato di "giustizia"?

Il teatro, come tutta l'arte, ha il compito e il dovere non tanto di dare risposte ma di porre domande, possibilmente scomode e di non facile soluzione. Domande che costringano a riflessioni profonde, che invitino lo spettatore a prendere posizione su quello che dal palcoscenico gli viene proposto.

Arcipelaghi, come già indica il titolo, racconta non una ma più vicende, non espone una verità ma, come fossero vere e proprie isole che man mano affiorano, porta a galla le diverse visioni di ognuno dei personaggi, fino a formare appunto un "arcipelago" di verità in cui decidere cos'è giusto e cosa no resta un compito del lettore o, nel nostro caso, dello spettatore.




30-11-2007
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
16-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=320