Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    30 ottobre 2020
Home > Cartellone > Zenìa
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Zenìa

Otto artisti si confrontano con le figure di alcuni personaggi della storia e la cultura sarda

Un modo originale per celebrare “Sa die de sa Sardigna”,  la festa del popolo sardo che ricorda i cosiddetti "Vespri Sardi", cioè l'insurrezione popolare del 28 aprile 1794 con la quale si allontanarono da Cagliari i Piemontesi e il viceré Balbiano, in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell'Isola, un episodio e una data presi come simbolo della lotta di liberazione e di rivendicazione identitaria. Al Museo Murats di Samugheo si è inaugurata nei giorni scorsi la  mostra “Zenìa”, progetto in cui otto artisti si confrontano con le figure di alcuni tra i principali personaggi che hanno influenzato la storia e la cultura sarda. Opere inedite d’arte contemporanea che dialogano con i preziosi tessuti della collezione tessile del Museo.

“Zenìa” coinvolge otto artisti sardi, Nicola Caredda, Gianni Casagrande, Gianluca Gelsomino, Narcisa Monni, Manuelle Mureddu, Gianni Nieddu, Vincenzo Pattusi, Giovanni Sanna, che si sono confrontati con la rappresentazione e interpretazione, ognuno con la propria tecnica e stile, di figure storiche che hanno dato visibilità alla storia e alla cultura della Sardegna. Amsicora e Iosto, Barisone I d'Arborea, Eleonora d'Arborea, Leonardo Alagon, Giovanni Maria Angioy, il giudice della reale Udienza a Cagliari che guidò il movimento antifeudale sino alla sconfitta del 1796. Ma anche personalità che si distinsero nel mondo intellettuale e letterario, come il poeta Gerolamo Araolla, che cercò di creare un sardo letterario scrivendo numerose opere in sardo, castigliano e italiano, Giuseppe Manno, autore di una fondamentale Storia della Sardegna, il premio Nobel Grazia Deledda, Sebastiano Satta, Emilio Lussu, che oltre a combattere con la Brigata Sassari fu tra i fondatori del Partito Sardo d'Azione, Giuseppe Dessì, Salvatore Satta, Remundu Piras, Antonio Gramsci.

 

MURATS

Museo Unico Regionale Arte Tessile Sarda  

Tel/fax. 0783 631052

Web: http://murats.it/  

Orari: 10:00 - 13:00 / 16:00 - 19:00 

Lunedì e martedì chiuso

 

FACEBOOK:

Murats Museo dell'Arte Tessile

 

CANALE YOUTUBE:

https://www.youtube.com/channel/UCfXzLYqilypzeVYPQunpaTQ

 




02-05-2014
 

Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
30-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=3077