SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

 ITA | SAR    22 ottobre 2014
Home > Cartellone > Teatro Civico di Sinnai 2013/2014
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Teatro Civico di Sinnai 2013/2014

a cura dell'Effimero meraviglioso

STAGIONE TEATRALE 2013 – 2014

 

costo del biglietto per singolo spettacolo € 15

costo dell'abbonamento per 15 spettacoli  € 100

per i residenti a Sinnai  -> under 26 e over 65 il costo è di € 75

Acquisto di 5 spettacoli a scelta € 50 – Acquisto di 8 spettacoli a scelta € 70

 

Già da ora gli abbonati possono riconfermare i loro posti in abbonamento telefonando al: 070765831 - o rispondendo a questa mail.

Si precisa che la campagna abbonamenti avrà inizio lunedi 7 ottobre, nei seguenti giorni e orari:

dal lunedi al venerdi 9.30-13.30/16.00-20.00 presso l'ufficio del Teatro Civico di Sinnai.

 

 

PROGRAMMA COMPLETO

 

mercoledì 30  ore 21  replica giovedi 31 ottobre ore 21 (fuori abbonamento)

“DINNER WITH FRIENDS”  A Corona Works (New York)

progetto di Alessandra Corona, diretto da Guido Tuveri

coreografie  Guido Tuveri, Ramon Oller, Pedro Ruiz

con: Alessandra Corona, Ruben Celiberti, Herman Payne, Ilene Bergelson, Liliana Morales, Mitchell Conway

Lo spettacolo prodotto da una compagnia americana diretta da Alessandra Corona originaria di Cagliari ma da molti anni residente a New York, approda al Teatro di Sinnai come unica tappa italiana dopo la prima a Roma al Teatro Greco. E' un progetto di danza-musica-teatro concepito dalla Corona per cinque artisti di alto livello professionale (ballerini, cantanti, attori e musicisti) all'apice della loro carriera. Tutti hanno in comune la ricerca del proprio “sogno impossibile”, una versione moderna ispirata al Don Chisciotte di Cervantes. La colonna sonora originale è di Thomas Lentakis. Musiche di Astor Piazzolla, Mariano Mores, George Bizet, Ludwig Minkus.

 

sabato 9 novembre ore 21

“GITA ALL'INFERNO” Akroama

scritto da Nunzio Caponio con la collaborazione di Simeone Latini

diretto e interpretato da Nunzio Caponio e Simeone Latini

video Roberto Putzu

Un anonimo uomo politico è derubato e ucciso in un'anonima selva oscura alle porte di un'anonima città. Viene soccorso da uno strano personaggio, che vive ai margini della società. Sarà proprio lui a comunicare al defunto la sua nuova, sconvolgente, condizione di “anima vagante”. Costretto a fare delle scelte, il politico sarà persuaso, dal suo nuovo compagno di viaggio, a intraprendere un percorso negli inferi danteschi, con la speranza di giungere ad una situazione più vantaggiosa per la sua anima, uscendo infine a “riveder le stelle”. Ma dal lontano 1300 molte cose sono cambiate.

 

Domenica 17 novembre ore 19

“JEFF” Il gioco delle ossa  Abaco Teatro – NudiCrudi

scritto e diretto da Dafne Turillazzi con la collaborazione di Antonello Verachi

con Tiziano Polese.  In video: Rosalba Piras, Boucar Wade, Gerardo Ferrara

La storia è ispirata alla vita di Jeffrey Dahmer, il cosiddetto mostro di Milwakee, che venne assassinato in carcere il 28 novembre del 1994 da un compagno di cella. La sua vicenda è una carrellata triste di solitudini mai risolte, partorita da un'infanzia consumata senza affetti, senza gioia.  Lo spettacolo ripercorre i punti chiave della storia, sovvertendo l'ordine spazio temporale degli avvenimenti e presentando i personaggi a volte come ricordi, altre come surreali figure freddamente presenti nell'esistenza di Jeffrey.

 

Venerdì 22 novembre ore 21   replica sabato 23 ore 21  (fuori abbonamento)

“CALIGOLA”   Teatro Zeta(L'Aquila)

di Albert Camus

con Manuele Morgese, Maria Letizia Gorga, Massimiliano Cutrera, Ezio Budini,

Brando Minnelli, Nicola Ciccariello, Andrea Palladino

regia Pino Micol

Parigi 1941, Camus ha appena terminato la stesura della 2^ edizione del suo “Caligola”. Una compagnia teatrale, appassionata, forse in difficoltà finanziarie, non certo la “Comedie francaise”, sta mettendo in scena questo “Caligola” appena scritto, mentre fuori, nella città, oltre il guscio protettivo e familiare del teatro, i nazisti hanno conquistato e invaso Parigi. Dall'esterno arriva l'angoscia degli spari, del terrore seminato dalla reale follia di Hitler, mentre sulle tavole del palcoscenico, parallelamente, si snoda la follia di Caligola, Hitler ante litteram, ma  filtrata dall'arte, dalla poesia, dalla grande passione “civile” di Albert Camus.

 

Venerdi 6 dicembre ore 21   replica sabato 7 ore 21 (fuori abbonamento)

“LA CASA DI BERNARDA ALBA” L'Effimero Meraviglioso

di Federico Garcia Lorca

con Miana Merisi, Cristina Maccioni, Rita Atzeri, Luana Brocato, Anna Brotzu, Francesca Cara, Renata Manca, Carla Orrù, Marta Proietti Orzella

Elaborazioni visuali  Giovanni Coda

ideazione e regia Maria Assunta Calvisi

Un testo forte, potente, duro, che non lascia scampo, che dipinge senza indulgenze il disperato bisogno di libertà  che alimenta sentimenti morbosi e segreti e di fronte alla quale si presentano due percorsi possibili: la follia o il suicidio. Un capolavoro della drammaturgia contemporanea, che continua a raccontare sui palcoscenici di tutto il mondo questa temperie di emozioni  che è di nessun luogo ma di tutti i luoghi, di nessun tempo ma di tutti i tempi. In questo spettacolo Teatro e cinema vivono in un connubio necessario dove l'assenza entra nella dimensione della presenza e il non visto e il non detto pesano come macigni. Lo spettacolo ha debuttato nel 2010 inserito nel progetto “Bernarda talks to the world” con il contributo della Comunità Europea.

 

 

Sabato 21 dicembre ore 21

“SPAM back to it” prodotto da Fondazione Campania dei Festival -  Napoli Teatro Festival, Festival delle Colline Torinesi, Teatro Stabile di Calabria, Teatro a Corte, TiConZero –  con Ambasciata Argentina in Italia

scritto e diretto da Rafael Spregelburd

con Lorenzo Gleijeses

musiche originali dal vivo e video project Alessandro Olla

Nato dall'incontro tra uno dei più importanti drammaturghi della scena mondiale, Rafael Spregelburd, e l'attore e regista italiano Lorenzo Gleijeses, Spam è la storia di un professore universitario che, rispondendo ad una e-mail, scivola in un complicatissimo intrigo internazionale che coinvolge banche, conti su PayPal e uno zio assassino a Kuala Lumpur: è il dramma risibile di un uomo perduto in una rete quotidiana quanto assurda che, soffrendo di una temporanea amnesia, prova a ricostruire la propria identità a partire dalle tracce lasciate nel pc.  

 

 

Venerdi 17 gennaio ore 21       replica sabato 18 ore 21 (fuori abbonamento)

“SON TUTTE BELLE LE MAMME DEL MONDO?”  L'Effimero Meraviglioso

con Miana Merisi e Luigi Tontoranelli

al pianoforte Corrado Aragoni

regia Maria Assunta Calvisi

Quanta retorica, quanta enfasi, fiumi di parole sulla figura della mamma nella letteratura, nella poesia, nelle canzoni.  E allora perchè non rimescolare le carte e non provare ad attingere dalla montagna di materiale messo a disposizione dai colossi della storia del teatro (Euripide, Brecht), dalla letteratura antica (Ovidio, Jacopone da Todi), da quella conosciuta sui banchi di scuola (Manzoni), da articoli di cronaca contemporanea, lettere al direttore, autori raffinati e ironici (Franca Valeri, Copi) e poi la sceneggiata di Mario Merola e le canzoni, quelle conosciute da tutti ma rivisitate e “corrette” per arricchire un percorso che si snoda leggero ma con momenti di grande intensità e emozione.

 

Sabato 25 gennaio ore 21

“IN BIANCO” Teatro Patalò (Emilia Romagna)

di e con Isadora Angelini, Denis Campitelli, Mia Fabbri, Luca Serrani

regia Isadora Angelini

Una notte dei primi anni '60. Il conduttore radiofonico di una trasmissione notturna introduce quattro personaggi colti in un momento di arresto, di resa, di rottura rispetto all'andamento delle loro vite. Hanno in comune una notte insonne: in bianco. Il loro mondo intimo evoca alcuni avvenimenti: la vicinanza della luna, sulla cui superficie si era appena posato il primo dispositivo costruito dall'uomo; il tramonto dell'epoca d'oro del rock'n roll che vede trasformata la sua forza rivoluzionaria in jingle per messaggi pubblicitari, l'entusiasmo scientifico che voleva ricoprire con la vernice scintillante delle avveniristiche centrali nucleari i fantasmi di Hiroshima e Nagasaki ...

 

Sabato 8 febbraio ore 21

“LA VIA DEL PEPE” i mercati del mediterraneo Elenaledda Vox

testo di Massimo Carlotto, musiche di Mauro Palmas e Maurizio Camardi,

con Massimo Carlotto (voce narrante), Elena Ledda (voce), Mauro Palmas (liuto cantabile),

Maurizio Camardi (duduk e ance), Marcello Peghin (chitarra), Silvano Lobina (basso),

Marcello Palmas (suono)

Vengono ricucite, tra parole e musica, le vicende personali e collettive di uomini e donne, comuni ed eccezionali, i cui destini si incrociano nei mercati di città come Cagliari, Algeri, Marsiglia, Tunisi e Palermo... I mercati del Mediterraneo sono sempre stati straordinari luoghi di incontro e comunicazione tra popoli e culture.  Massimo Carlotto racconta l'avvincente storia di questi mercati,  attraverso una sorta di fiaba del nostro tempo. La voce di Elena Ledda, le bellissime pagine di una musica coinvolgente ed evocativa si intrecciano come in un gioco di maree al racconto.

 

Sabato 22 febbraio ore 21

“L'ILLUSIONISTA” Florian Teatro (Pescara)

di e con Oscar Strizzi – supervisione Arturo Brachetti

Un viaggio nell'universo della fantasia, dell'illusione, della magia, un viaggio nel tempo. Oscar Strizzi diventa Houdin, un illusionista di grande fama che racconta del suo destino....   E attraverso di lui lo spettatore entra in una dimensione dell'irreale, del sogno, dove la realtà è definita da regole stabilite unicamente dall'immaginazione, dalla poesia avvolta dal mondo delle ombre cinesi, rarissime ed emozionanti, oggetti volanti, sparizioni e apparizioni. “Tutto si trasforma in sogno e il sogno diventa magia”.

 

 

Giovedì 6 marzo ore 21

“BOITE A' SURPRISES” La Dual Band (Milano)

di Anna Zapparoli e Mario Borciani

con Marco Bellocchio, Benedetta Borciani, Beniamino Borciani, Camilla Capolla, Lucrezia Piazzolla

regia  Anna Zapparoli

direzione musicale e pianoforte  Mario Borciani

Metà giovani musicisti e cantanti innamorati del teatro, metà giovani attori innamorati della musica. Questo mélange ha dato vita a uno spettacolo tagliato su misura per loro, che cavalca il crinale sottilissimo e a volte imprendibile che separa – o unisce – la musica e il teatro:da Monteverdi a James Bond, da Rossini a Lady Gaga, passando da Brecht a “Balocchi e profumi”, fino a una esilarante “Storia del Cinema in nove minuti”. Lo spettacolo è recitato e cantato in tutte le lingue d’Europa, ma soprattutto nella “superlingua” delle voci che imitano strumenti musicali. Uno spettacolo di “numeri” basati sulla leggerezza, sul divertimento e sul virtuosismo vocale.

 

Sabato 15 marzo ore 21

“IL BERRETTO A SONAGLI” Teatro Sassari

di Luigi Pirandello

con Mario Lubino,  Alessandra Spiga, Teresa Soro, Alfredo Ruscitto, Alessandro Gazale, Chicca Sanna.

Regia Marco Spiga

Scritto nell'agosto 1916 in siciliano con il titolo “A birritta cu i ciancianeddi”, tradotto successivamente in italiano e anche in napoletano da Eduardo De Filippo, è uno dei capolavori assoluti e maggiormente rappresentati del drammaturgo girgentino, dove le tematiche dell'universo pirandelliano appaiono già nella loro chiarezza.

“… La società costringe gli individui ad apparire rispettabili, obbedendo a precisi codici di comportamento; ma, in realtà, nessuno intende infierire sulle debolezze umane, soffocare le passioni, impedire rapporti extraconiugali: tutto è permesso purché si salvino le apparenze, e ognuno possa mostrare tranquillamente il “pupo”, il burattino rispettabile che si è costruito e che gli altri gli impongono...”

 

 

Domenica 30 marzo ore 19

“CIRCO MACCUS” (Teatro Circo Maccus)

con Virginia Viviano, Paola Turata, Francesca Canosa, Andrea Roeckel, Tiziana Moi, Gianluca Tronci, Silvia Curatti, Alessandra Piga

regia Virginia Viviano

È una rivisitazione del circo tradizionale in chiave comica con un tocco di glamour e romanticismo. Gli artisti si alternano nei vari ruoli classici: dal domatore di pulci alla ballerina sul filo, dal lanciatore di coltelli all’uomo cannone, dai giocolieri del fuoco ai pagliacci burloni, dalle acrobate dell’aria su trapezi e tessuti alle contorsioni di affascinanti e misteriose signorine. E lo spettacolo vola verso il gran finale costellato da piccoli inserti di meta-teatro che lasciano intravedere le vite reali degli artisti non sempre splendide e lucenti come sulla scena.

 

Domenica 6 aprile ore 19

“IN FONDO AGLI OCCHI” Compagnia Berardi – Casolari (Puglia)

di e con Gianfranco Berardi  Gabriella Casolari

regia César Brie

Uno spettacolo di nuova drammaturgia che affronta le tematiche della crisi e della malattia da questa prodotta e derivata. Una barista, Italia, donna delusa e abbandonata dal suo uomo, e Tiresia, suo socio ed amante, non vedente, raccontano la propria storia in un bar, metafora di un paese dove “...non è rimasto più nessuno perchè ci vuole talento anche per essere mediocri...”

“E allora fa bene al cuore e alla mente vedere un istrionico Gianfranco Berardi (come si fa non amarlo) mentre gioca con la sua cecità, che sfida per sfidare noi, finchè diventa metafora attraverso cui raccontare il dolore e la crisi dei nostri tempi... Perfetta la regia di questo spettacolo che sancisce l'unione fra la coppia italiana e il regista argentino”(Francesca De Sanctis – L'Unità)

 

Sabato 12 aprile ore 21

“SE DEVI DIRE UNA BUGIA .. DILLA GROSSA!!” L'Accademia – Abaco Teatro

di Ray Cooney

Regia Tiziano Polese e Ferruccio Ambrosini

con Tiziano Polese, Gianni Pili, Mario Spano, Francesca Argiolas, Laura Ortu, Antonello De Candia, Simona Caiazzo, Antonella Siragusa, Paola Deidda, Ilaria Picciau

Cooney ha scritto questo testo nel 1984 usando tutti i trucchi, i colpi di scena, le gags, gli effetti speciali, gli equivoci, i battibecchi, i rossori, gli spaventi, gli armadi, i letti e le vestaglie del teatro nato per far ridere, pur specchiandosi nei vizi e nelle ipocrisie della società che ci circonda. La commedia è ambientata in un albergo di lusso, dove il gioco delle porte ha facile presa, e dove l'incalzare della trama, densa di equivoci e colpi di scena sempre più fitti, crea spunti divertenti e situazioni paradossali.

 

 

SPETTACOLI FUORI ABBONAMENTO

 

Venerdì 29 - sabato 30 novembre ore 21

“PENELOPE AVEVA LE VENE VARICOSE” L'Effimero Meraviglioso

Con la consueta ironia l'autore-attore Nino Nonnis racconta la vera storia delle coppie celebri: Ulisse e Penelope, Dante e Beatrice, Giulietta e Romeo, Lancillotto e Ginevra, Paolo e Francesca … Segreti e risvolti che solo l'autore conosce ma che avrà la bontà di rivelare al pubblico. Cadranno dei miti ma la verità storica prima di tutto.

 

sabato 15 febbraio ore 21

“TRA DIRE E NON DIRE … MEGLIO TRADIRE” ParoleRivelate

di Anton Cechov, Ferenc Molnar, Dino Buzzati

con Gianni Piludu, Rebecca Anichini, Corinne Vigo, Luigi Ibba, Nino Mameli, Maurizio Da Comeana, Manuela Pini - Regia Marco Nateri

Il tradimento... cosa significa tradire? E perchè si tradisce? Tradiscono più gli uomini o le donne? Ed è più grave il tradimento mentale o tradimento fisico? Da sempre queste domande affollano conversazioni, programmi televisivi, film... il tradimento è parte integrante della vita...

 

sabato 22 marzo ore 21

“LUNGA E' LA NOTTE – PEPPINO IMPASTATO” Compagnia B – Viamentana Teatro

con Giuliano Pornasio, Davide Sanna, Enrico Incani, Marcello Armellino

regia Giuliano Pornasio

“Con le idee e il coraggio di Peppino noi continuiamo”, così si leggeva sullo striscione che apriva i funerali di Giuseppe Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978. E' ancora attuale raccontare oggi la vicenda di un martire laico del '900? Può il teatro essere veicolo di tale comunicazione?




28-09-2013
 

Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2014 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
22-10-2014
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=2903