Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    31 ottobre 2020
Home > Cartellone > Monumenti aperti
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Monumenti aperti





Arbus Monumenti Aperti 2010 

Sabato 25 e domenica 26 settembre 2010

Dopo la pausa estiva, torna l’appuntamento con Monumenti Aperti. La manifestazione, che nei week-end di maggio e giugno ha visto l’apertura di oltre 320 monumenti situati in 33 comuni dal nord al sud dell’isola, riparte il prossimo fine settimana (25 - 26 settembre) con l’apertura al pubblico dei monumenti di Arbus.

Nelle stesse date la manifestazione interesserà anche San Giovanni Suergiu e l’Unione dei Comuni del Basso Campidano.

 

Grazie aivolontari, provenienti da scuole elementari e medie, da gruppi folk, da associazioni culturali ed enti che effettuano le visite guidate,si apriranno al pubblico complessivamente sei tra siti, beni ambientali, archeologici e monumentali.

 

Il coordinamento generale della rete di Monumenti Aperti è affidato, come sempre, all’Associazione culturale Imago Mundi. La promozione, la comunicazione e la didattica sono realizzate in collaborazione con il Consorzio Camù.


-----------



Monastir, Nuraminis, Samatzai, San Sperate, Ussana, Villasor 

Sabato 25 e domenica 26 settembre 2010

Dopo la pausa estiva, torna l’appuntamento con Monumenti Aperti. La manifestazione, che nei week-end di maggio e giugno ha visto l’apertura di oltre 320 monumenti situati in 33 comuni dal nord al sud dell’isola, riparte il prossimo fine settimana (25 - 26 settembre) con l’apertura al pubblico dei monumenti dell’Unione dei Comuni del Basso Campidano: Monastir, Nuraminis, Samatzai, San Sperate, Ussana e Villasor.

Nelle stesse date la manifestazione interesserà anche Arbus e San Giovanni Suergiu.

 

Grazie aivolontari, provenienti da scuole elementari e medie, da gruppi folk, da associazioni culturali ed enti che effettuano le visite guidate,si apriranno al pubblico complessivamente 22 tra siti, beni ambientali, archeologici e monumentali; nel dettaglio: 4 siti rispettivamente a Monastir, Samatzai, San Sperate e Villasor, e 3 nei comuni di Nuraminis e Ussana.

 

Le due giornate saranno arricchite in tutti i comuni interessati da eventi collaterali, momenti letterari, di musica e d’arte.Anche le attività di ristorazione del territorio aderiscono a Monumenti Aperti offrendo per le due giornate di sabato e domenica menù turistici con Gusta la Città.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito internet www.monumentiaperti.com.

 

Il coordinamento generale della rete di Monumenti Aperti è affidato, come sempre, all’Associazione culturale Imago Mundi, mentre a occuparsi localmente dell’organizzazione dell’evento, è un Gruppo di raccordo e coordinamento sovra comunale cui fanno capo i vari Gruppi locali, uno per ogni Comune.

La promozione, la comunicazione e la didattica sono realizzate in collaborazione con il Consorzio Camù.


--------------



San Giovanni Suergiu Monumenti Aperti 2010 

Sabato 25 e domenica 26 settembre 2010

Dopo la pausa estiva, riparte la quattordicesima edizione di Monumenti Aperti. E per la seconda volta consecutiva la manifestazione coinvolge San Giovanni Suergiu, che riapre al pubblico i suoi tesori storici archeologici e ambientali dopo lo straordinario successo registrato lo scorso anno con oltre duemila visitatori. “Valorizzare il patrimonio storico - artistico del nostro territorio pensiamo sia il migliore investimento per il futuro ed indispensabile per la crescita della comunità”, hanno scritto nella Guida della manifestazione, curata dall’Associazione Imago Mundi, Gianfranco Ghisu (Assessore Cultura e Turismo), Valentina Cuccu (Assessore Ambiente) e Claudia Secchi (Assessore Servizi Tecnologici e Archeologia).

 

Undici i monumenti visitabili con tre importanti novità rispetto alle aperture dello scorso anno: la Rupe antropomorfa, la Centrale Termoelettrica e il Nuraghe Candelargius, che andranno ad affiancare la Chiesa di San Giovanni, la Necropoli is Loccis Santus, Medau is Loccis Santus, la Chiesa di Santa Maria di Palmas, il Castello di Palmas, il Nuraghe Palmas, le Trincee sotterranee e Batterie della Seconda Guerra Mondiale, e la Postazione panoramica Matzaccara.

 

I monumenti saranno visitabili gratuitamente il pomeriggio del sabato 25 dalle ore 15.30 alle ore 19.00 e la domenica 26 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 19.00. Nei siti del “Medau” di Is Loccis Santus, della chiesa di Palmas saranno inoltre allestite delle suggestive mostre.

Per la visita dei siti archeologici si suggerisce abbigliamento e scarpe comode.

 

Il coordinamento generale della rete di Monumenti Aperti è affidato come sempre all’Associazione culturale Imago Mundi. La promozione, la comunicazione e la didattica sono realizzate in collaborazione con il Consorzio Camù.

 

Nelle stesse giornate la manifestazione sarà anche ad Arbus e nei Comuni del Basso Campidano.










23-09-2010
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
31-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=2536