Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    12 luglio 2020
Home > Cartellone > Animar
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Animar

Festival Internazionale del Teatro di Animazione sul Mediterraneo



Ai blocchi di partenza la quinta edizione di Animar, il Festival Internazionale del Teatro di Animazione sul Mediterraneo in programma a Teulada, nella seicentesca Casa Baronale, da sabato 31 luglio al 7 agosto.



 

L’edizione 2010 del festival organizzato da Is Mascareddas ospita artisti di calibro internazionale, nomi come i marionettisti e attori greci Nikos Tompros ed Eleni Panagiotou della compagnia Antamapantahou eil trevigiano Gigio Brunello, annoverato dalla critica tra più virtuosi ricercatori del teatro d’animazione italiano.



E ancora, Animar 2010 è segnato dal ritorno in Sardegna del teatro colto e surreale del catalano Pep Gómez e la chiusura della otto giorni consacrata al teatro di figura è affidata ad un maestro indiscusso dell’arte di dare vita a burattini e pupazzi, l’argentino Horacio Peralta diBululu Théâtre.



 

I numeri di Animar 2010 - tre o quattro spettacoli a serata, per un totale di ventisette appuntamenti, quattordici compagnie da Italia, Grecia, Argentina e Spagna, due laboratori e due mostre – sono in linea con una formula consolidata, che da 2006 arricchisce l’offerta culturale del piccolo centro sulcitano, con centonove spettacoli all’attivo, per cinquantotto compagnie, da Italia, Spagna, Ungheria, Francia, Belgio, Repubblica Ceca, Brasile, Cile e Germania, grazie al sostegno fondamentale del Comune di Teulada, degli assessorati regionali al Turismo, Artigianato e Commercio e alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport e della Fondazione Banco di Sardegna.



 

La quinta edizione del Festival Internazionale del Teatro di Animazione sul Mediterraneo è inaugurata, sabato 31 alle 21.00, da una prima presenza straniera, quella delle marionette a filo della compagnia greca Antamapantahou. Nel portico della Casa Baronale Nikos Tompros ed Eleni Panagiotou presentano “Acrobatics”,  una piéce di animazione e azioni mimiche, in cui la coppia di marionettisti ricrea la scena di un piccolo circo e da vita a numeri di funambolia e clownerie.  



 

Alle 21.30 Gigio Brunello battezza il palcoscenico all’aperto nel giardino dell’antica casa nobiliare, la location degli spettacoli scelti per spettatori dai tre anni in sù.



L’attore-animatore veneto porta in scena “The big five - A savana big animals show”, uno spettacolo dove prendono forma storie dell’Africa e dei suoi abitanti, quadrupedi e bipedi, attraverso la voce dell’attore e l’animazione di sculture di animali di legno, con meccanismi e suonerie. 



 

Alle 22.30 si apre la seconda fase della serata, tra il salone della Casa Baronale e il vicino cortile del Municipio: una serie di spettacoli tarati per un pubblico più maturo, che spesso fanno delle tecniche e delle drammaturgie tradizionali del teatro d’animazione un punto di partenza per la ricerca di nuovi modi di raccontare l’esistenza e soprattutto le emozioni attraverso figure in movimento, con o senza parole.



Il primo protagonista della fascia notturna di Animar 2010 è, nel salone della Casa Baronale, Paolo Sette.  Il giovane animatore milanese, collaboratore stabile della compagnia marionettistica Colla, presenta la piéce di burattini a guanto “L’anatra e la morte”. Ispirato al libro per l’infanzia dello scrittore e illustratore tedesco Wolf Erlbruch “L’Anatra, la Morte e il Tulipano”, lo spettacolo narra la storia dell’incontro tra un piccolo pennuto e la Morte, una surreale convivenza che diventa amore per l’altro e amore per la vita.



 

In contemporanea agli spettacoli si inaugurano le due mostre di Animar 2010: all’interno della Casa Baronale “Facce da mare”, una esposizione bibliografica curata dal Centro Servizi Bibliotecari Biblioteca Ragazzi della Provincia di Cagliari. Per le strade di Teulada è allestita “Animarcord · quattro anni di Animar”, una serie di foto scattate da Enrico Cambedda, che ripercorrono la storia del festival e imprimono su carta la varietà e le poetiche visuali dei suoi protagonisti.  



 

Immancabili, come dalla prima edizione, i laboratori per i bambini, in programma quest’anno da martedì 2 a venerdì 6 agosto: il primo, per ragazzi in un’età compresa dai 7 ai 12 anni, è il corso di costruzione e animazione di burattini  “Bucanieri, Pirati e Filibustieri”, a cura di Donatella Pau, della Compagnia Is Mascareddas. Il secondo, per corsisti dai 7 ai 14 anni, è “Danzacrobazia”, a cura della coreografa Enrica Spada e del docente di acrobatica catalano Esteban Quifer (info. laboratori Biblioteca di Teulada – 070 9271230 / Is Mascareddas - e mail ismascareddas@tiscali.it – cell. 388 8463520).



 




ismascareddas@tiscali.it – www.ismascareddas.it – 070 5839742 – cell. 340 1802240 - 388 8463520. Ingresso agli spettacoli – 1,5 euro.



 

Animar è un progetto sostenuto da



Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale per lo Spettacolo da vivo, Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio e Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, Provincia di Cagliari – Presidenza e Assessorato alla Cultura e Identità, Spettacolo e Sport, Fondazione Banco di Sardegna.



29-07-2010
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
12-07-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=2520