Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    21 agosto 2019
Home > Cartellone > La casa di Bernarda Alba
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



La casa di Bernarda Alba



LA CASA DI BERNARDA ALBA


di Federico García Lorca


 


4-5 marzo 2010, ore 21.00


Teatro Civico di Sinnai


 


Adattamento e Regia Maria Assunta Calvisi


 


con: Miana Merisi, Cristina Maccioni


Rita Atzeri, Luana Brocato, Anna Brotzu, Francesca Cara,


Renata Manca, Carla Orrù,  Marta Proietti Orzella


e con la partecipazione di Rossella Faa e Elena Ledda in video per “l'attittidu”


 


Impianto scenico e costumi Marco Nateri


Elaborazioni visuali Giovanni Coda


Musiche originali Corrado Aragoni


Luci Stefano De Litala


 


 


 


 


LO SPETTACOLO


 


“La casa di Bernarda Alba” (1936) è considerata il capolavoro di Federico García Lorca e la più importante opera del teatro spagnolo contemporaneo. Scritta dal drammaturgo e poeta granadino alcuni mesi prima della sua morte, fu rappresentata per la prima volta a Buenos Aires nel 1945. Assieme alle altre tragedie “Yerma” e “Nozze di sangue”, fa parte di una trilogia incentrata sul ruolo della donna e sulla sua sottomissione nella Spagna rurale degli anni trenta.


 


La storia, ambientata in Andalusia, narra della dispotica Bernarda Alba, che in seguito alla morte del marito, impone un lutto rigoroso alla madre Maria Josefa e alle sue cinque figlie, Angustia, Magdalena, Amelia, Martirio, Adela,  impedendo loro di uscire di casa e di intrattenere rapporti con il sesso opposto. Solo la maggiore fra le cinque ragazze, potrebbe sposarsi perché è l'unica ad avere una dote. Ma il suo giovane e prestante fidanzato, concupito da tutte, in realtà ama la più giovane delle sorelle , Adela, che preferirà uccidersi piuttosto che rinunciare a lui.


 


Lo spettacolo prodotto dalla Compagnia L’effimero Meraviglioso, è ambientato nella Sardegna degli anni ‘40-‘50. La lingua utilizzata è l'italiano, ma le atmosfere, i costumi le musiche originali e gli oggetti di scena saranno riferiti alla Sardegna. In una prospettiva di innovazione di linguaggi teatrali, la regista Maria Assunta Calvisi ha deciso di ricorrere anche al linguaggio delle immagini, affidando a Giovanni Coda, video-maker affermato a livello internazionale, tutto il racconto del non visto: gli esterni, le scene d'amore tra Adele e Pepe il Romano, i sogni non confessabili delle cinque figlie.


 


La produzione riunisce sul palco nove attrici delle più importanti compagnie teatrali sarde: Miana Merisi, Cristina Maccioni, Rita Atzeri, Luana Brocato, Anna Brotzu, Francesca Cara, Renata Manca, Carla Orrù,  Marta Proietti Orzella. Altre due donne, le cantanti Elena Ledda e Rossella Faa, prestano le loro voci ad uno struggente canto funebre in sardo. Le musiche originali sono di Corrado Aragoni, i costumi di Marco Nateri, le luci di Stefano De Litala.


 


“La casa di  Bernarda Alba” debutterà al Teatro Civico di Sinnai, giovedì 4 marzo alle 21, e sarà replicato venerdì 5 marzo alla stessa ora.


 


Il 6 marzo alle 21  sarà ospite la compagnia polacca Wyższa Szkoła Humanistyczno-Ekonomiczna w Łodzi.


Il 7 marzo alle 21 spazio alla compagnia rumena Tomcsa Sándor Theatre.


 


Lo spettacolo italiano sarà poi rappresentato a maggio in Polonia (Lodz) e in Romania (Odorheiu-Secuiesc) e ad agosto in Spagna.


 



NOTE DI REGIA


 


Quando Garcia Lorca scrisse “La casa di Bernarda Alba”, nel 1936, non immaginava che la realtà descritta potesse essere calata pari pari nella Sardegna di allora.


Il matriarcato delle donne sarde è un concetto che esprime in maniera calzante la figura di Bernarda: donna forte per necessità, castrante e a sua volta castrata. La realtà sociale, qui come in Spagna, sanzionava comportamenti e relegava ai margini chi non rispettava le regole stabilite dalla comunità; un lutto, soprattutto se a restare erano le vedove, durava anni di segregazione.


Il sesso, e quindi il proprio corpo, erano vissuti, o meglio non vissuti, come qualcosa da negare e quindi da nascondere. Ecco perchè il testo di G. Lorca si può mettere in scena in un paese sardo  senza timore di forzature, e in un qualsiasi paese europeo dove si riscontrano condizioni sociali analoghe.


Lo spettacolo è infatti inserito nel progetto “Bernarda talks to the world” che ha avuto il riconoscimento della Comunità Europea, di cui L'Effimero Meraviglioso è capofila e partners Tomcsa Sandor Theatre (Romania), Academy of Humanities and Economies (Polonia) e Boga Net (Spagna).


Lo spettacolo rientra inoltre in una proposta di innovazione di linguaggi espressivi in quanto utilizza in maniera inusuale le immagini video che non sono, in questo caso, un contributo al “teatro”, ma parte integrante del racconto teatrale e a volte racconto di per se stesse, oltre il testo teatrale.


Il funerale del marito di Bernarda, i sogni inconfessabili, le angosce delle figlie, le scene d'amore rubato o negato, la dimensione onirica della vecchia madre, rientrano a pieno titolo nella drammaturgia dello spettacolo anche se non esplicitate nel testo di Lorca.


Teatro e cinema dunque in un connubio stretto e necessario per uno spettacolo dove l'assenza entra prepotentemente nella dimensione della presenza e il non visto e il non detto pesano come macigni.


Un testo forte, potente, duro, che non lascia scampo, che dipinge senza indulgenze il disperato bisogno di libertà di chi vive una esasperata costrizione che alimenta sentimenti morbosi e segreti e di fronte alla quale si presentano due percorsi possibili: la follia o il  suicidio.


“Voglio andarmene di qui, Bernarda, a sposarmi in riva al mare” dice la vecchia madre ormai “fuori” dall'osservanza delle regole e dal conformismo e libera quindi di andare in riva al mare con il suo desiderio.


“Ci annegheremo tutte in un mare di lutto” dice invece Bernarda, senza appello alcuno nel finale quando ormai è spenta ogni scintilla di speranza e il dramma si è tutto consumato.


E ancora “Silenzio, ho detto, silenzio!”. E il silenzio cala sulle vite di queste donne come cala sull'autore che verrà fucilato due mesi dopo aver scritto quest'ultimo testo. Questo silenzio invece ha suscitato parole, pensieri, azioni, poiché “La casa di Bernarda Alba”, un capolavoro della drammaturgia contemporanea, continua a raccontare sui palcoscenici di tutto il mondo questa temperie di emozioni che è di nessun luogo ma di tutti i  luoghi, di nessun tempo ma di tutti i tempi.


Oggi, in modo e con forme diverse, continuiamo a vivere sulla nostra pelle la ricerca della libertà e della autenticità del nostro essere. Bernarda ci riguarda ancora.










Maria Assunta Calvisi




01-03-2010
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
21-08-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=2411