Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    7 luglio 2020
Home > Cartellone > Omaggio a Rossini
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Omaggio a Rossini

"L'italiana in Algeri", "Pulcinella" e "La gazza ladra"


Contatta


Nome*

Email*

Codice*

Messaggio*






Domenica 28 febbraio 2010, alle ore 11, nel foyer del Teatro Civico di Castello, via De Candia. La prima proiezione sarà dedicata ai "corti" di Emanuele Luzzati, intitolata "OMAGGIO A ROSSINI", e comprende "L'italiana in Algeri", "Pulcinella" e "La gazza ladra"; tre straordinari film d'animazione ispirati alla musica di Gioacchino Rossini, i più adatti per avvicinare i bambini alla musica classica.

 


L’italiana in Algeri racconta le disavventure di Lindoro e Isabella, partiti da Venezia e finiti prigionieri nell’harem del Sultano Mustafà. Fuggendo sui tetti e poi attraverso il bazar, la coppia riuscirà finalmente a mettersi in salvo su una barchetta.


 


         Pulcinella (il turco in Italia) sogna di essere un grande attore inseguito dalla moglie e dalle guardie; finisce così prima sulla luna e poi nel ventre del Vesuvio, finché non si sveglierà a casa e potrà finalmente papparsi un bel pesce e infilarsi nel letto.


 


         La gazza ladra è la storia di 3 re che decidono di far la guerra agli uccelli. Una gazza decide però di reagire. Ben presto ne combina di tutti i colori e insieme agli altri pennuti riuscirà a rinchiudere re e soldati in un castello.


 


Nelle domeniche successive verrano proiettati alcuni "corti" di Jiri Trnka, il grande disegnatore cecoslovacco considerato un maestro del cinema d'animazione, alcuni dei quali sono dotati di una colonna sonora in inglese. L'ultimo, ispirato alla favola di Andersen "L'usignolo dell'imperatore", è recitato da Boris Karloff.


 


 “IL CIRCO HURVINEK”  (1955)   (27’)


I pupazzi di Trnka dall’anima delicata e sognante, hanno di sicuro un soffio che formicola leggero, ilare e surreale fra legno, straccetti di stoffa e pupille disegnate con un pennello di poche setole.


 


"IL CANTO DELLA PRATERIA” " (1949)   (21’)


 Una maliziosa parodia del western hollywoodiano.


 


“LA MANO” (1965) (19’)


       Una mano - simbolo minaccioso del potere o del predominio della burocrazia - in lotta con un pupazzo, un piccolo giardiniere che vorrebbe dedicare la propria esistenza alla cultura di un unico fiore.


 


Siamo sicuri che questa piccola rassegna potrà interessare sia i bambini che le loro famiglie. L'ingresso alle proiezioni è libero.




22-02-2010
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
07-07-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=2375&invio_mail=1