Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    22 febbraio 2019
Home > Cartellone >
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



direzione artistica della regista Susanna Mannelli


Dal 24 al 30 agosto ritorna a Carloforte, in Sardegna, il festival internazionale Dall’Isola dell’Isola di una Penisola. Giunta alla tredicesima edizione, la manifestazione è organizzata dall’associazione Botti du Schoggiu con la direzione artistica della regista Susanna Mannelli.

 

E anche quest’anno le strade, le piazze e i vicoli che dal porto risalgono il piccolo centro dell’isola di San Pietro fino all’antico quartiere di Porta Leone, saranno mattina e sera il palcoscenico di un gran numero di spettacoli dedicati sia ai più piccoli che agli adulti.

Una manifestazione che è anche un modo per visitare l’affascinante abitato e scoprirne angoli nascosti e suggestivi, così come per assaporare la cucina locale, dove è il tonno a farla da padrone.

 

Sette giorni dedicati al nuovo circo, al teatro di narrazione e di strada ma con ampi spazi sia per la musica, con concerti che si terranno prevalentemente nello spazio del Giardino di Note (restituito al paese proprio grazie al festival) che quest’anno ospiterà anche una tre giorni di apertura dedicata al documentario d’autore, che per i bambini per i quali al mattino e nel tardo pomeriggio saranno proposti spettacoli e laboratori.

 

Il festival è realizzato grazie al contributo di Sept Italia, del Il Tonno di Corsa, L'isla Travel

 

IL PROGRAMMA

Il cartellone del festival sarà aperto da Doc Doc una tre giorni (24, 25, 26 agosto) dedicata al documentario d’autore curata da Francesco Virgilio Angius. In programma Le pere di AdamoPassaggi di tempo. Il viaggio di Sonos ‘e Memoria, di Gianfranco Cabiddu; e Il mio paese, di Daniele Vicari., di Guido Chiesa;

 

A partire da giovedì 27, spazio agli spettacoli. L’inaugurazione spetterà ai faentini del Teatro Due Mondi con Hay l’Amor!: una complessa sequenza di canti quella che ascoltiamo, voci del repertorio della tradizione del sud Italia e composizioni create sul tema dell'amore. A cantare e raccontare l'amore ci sono i 6 personaggi in scena, Angeli Custodi che ci introducono ai temi delle canzoni attraverso episodi e riflessioni che scorrono davanti agli occhi di chi guarda come fossero istantanee incollate sull'album di fotografie della loro vita. Lo spettacolo è presentato come una parata che partirà dal porto carlofortino per risalire, pubblico al seguito, lungo i viottoli del paese fino alla Porta Leone dove si trova il palco centrale.

 

Visto il successo e l’attenzione del pubblico l’anno scorso, sarà riproposto Visioni, un percorso di tre spettacoli di narrazione scritti e interpretati da sole donne. Ognuna di loro racconterà il proprio rapporto con le problematiche del vivere sociale nella contemporaneità. Accanto all’”invasione” festosa creata dagli spettacoli e dalle folle di turisti e residenti che vi assistono, la regista Susanna Mannelli ha infatti voluto creare e offrire al pubblico luoghi più raccolti in cui dare voce al racconto di storie più intime e delicate. Il programma prevede venerdi 28 Creature di e con Francesca Ria e Marianne Kipp; sabato 29 Spade e cipolle di e con Angela Iurilli; domenica 30 Pina di Gennaro e Serena Di Gregorio, finaliste del Premio La parola e il gesto di Imola, riservato a giovani attrici italiane, che presenteranno due brevi monologhi: Il buio e Voci di Donne .

Fra gli altri spettacoli teatrali anche un classico delle fiabe come I musicanti di Brema (indimenticabile l’interpretazione di Paolo Poli) messo in scena dalla Compagnia Catalyst di Firenze con la partecipazione dei musicisti del gruppo Camillocromo (venerdì 28 ore 22.15 palco di Porta Leone).

Molti gli appuntamenti musicali: a partire dal recital della cantante israeliana Amira Garine. L’artista accompagnata da clarino, percussioni e chitarra, presenta il nuovo Sephardic Project: un viaggio attraverso le antiche scuole della musica sefardita per raggiungere le diverse espressioni musicali dei paesi del Mediterraneo e dei Balcani. Il repertorio del concerto prevede una serie di ballate, canzoni d’amore, ninnananne, interpretati alla maniera tradizionale, ma anche improvvisazioni, brani di ispirazione religiosa e composizioni originali ispirate al patrimonio musicale sefardita.

Un gradito ritorno per il festival è quello del sassofonista/vocalist nuorese Gavino Murgia la cuiricerca concerne le sonorità della musica sarda e in particolare l'uso della voce con un sassofono e altri strumenti tipici dell'isola, in un contesto musicale moderno. Presente in numerosi festival italiani e stranieri, Polonia, Austria, Spagna, Finlandia, Svizzera, Germania, Francia, Russia, Sud Africa, Cuba, Usa, Gavino Murgia a suonato con musicisti quali Mal Waldron, Rabih Abou Khalil, Paolo Fresu, Don Moye, Gianluigi Trovesi, Michel Godard, Pietro Tonolo, Djivan Gasparian, Sainkho Namchylak, Al Di Meola e altri. A Carloforte (giovedì 27 alle ore 23.30)si esibirà in trio con Michel Godard, Pietro Iodice.

Prodotto dai Botti du Shcoggiu è un interessante concerto sabato 29 che vede il ritorno al pubblico ed alla musica del pianista Valerio Baraccani.

 

Tutte le notti fra le viuzze del paese si terranno anche delle “passeggiate musicali” curate dai Camillocromo: improvvisate serenate alle finestre, incursioni nei ristoranti locali alla ricerca di un vino fresco dissetante per tirare il fiato….


 



PER I BAMBINI

Per i più piccoli Gufo Buffo, al secolo Paolo Grasso, storico componente della compagnia torinese Dottor Bostik, ogni giorno presenterà, mattina e pomeriggio,le Favole di Animali e altri brevi racconti ispirati a favole di tutto il mondo, e messi in scena con pupazzi completamente costruiti con oggetti quotidiani e materiale di recupero.

 

INFO

Le informazioni sugli orari e sui luoghi degli spettacoli si potranno trovare all’info-bike in piazza Carlo Emanuele, o contattando la segreteria organizzativa del festival ai numeri 0781857053 / 3479054753, o scrivendo all’indirizzo di posta elettronica



I PRODROMI DEL FESTIVAL



“DOC…DOC”

In questa edizione i prodromi, nati come pretesto per anticipare e prolungare l’apertura del “Giardino di Note”, si vestono finalmente di un evento di apertura dedicato al documentario d’autore, curato da Francesco Virgilio Angius e dal Cineclub “D’Auvea” di Carloforte.



LUNEDI 24 AGOSTO

GIARDINO DI NOTE – ORE 22.00


Le pere di Adamo – di Guido Chiesa

Mattino presto, un corteo di persone per strada: protestano perché gli industriali, i sindacati e il governo francese hanno deciso di modificare il loro sussidio di disoccupazione. Un annoso problema, un’immagine consueta. Le loro grida svegliano un buffo omino che abita il fumetto che fa da filo conduttore al film. L’omino si dirige alla finestra e considera che quel movimento di persone si comporta né più né meno come un corteo di nuvole. Come le nuvole possono portare problemi o soluzioni. Come le nuvole, arrivano, accadono e se ne vanno. E poi tornano. E’ una considerazione poetica, un po’ eccentrica. Ma per il nostro personaggio diventa una sfida del pensiero e dell’immaginazione: possiamo stabilire un’analogia rigorosa, scientifica, tra le nuvole e i movimenti sociali?

 

MARTEDI   25 AGOSTO

GIARDINO DI NOTE – ORE 22.00

Passaggi di tempo. Il viaggio di Sonos ‘e Memoria – di Gianfranco Cabiddu

Passaggi di Tempo, è la storia di un viaggio, il diario di bordo di un’avventura umana e artistica. La gestazione, nascita e sviluppo del concerto Sonos ‘e Memoria a partire dalle immagini mute d’archivio che mostrano una Sardegna antica cresciuta col lavoro e col sudore nel rito collettivo delle feste, nel rapporto di sintonia e conflitto con la natura. Sullo schermo si srotola un “work in progress”, idee e suggestioni che crescono e prendono forma. Un film puzzle, Passaggi di tempo, che racchiude l’anima musicale e umana della Sardegna: e il tempo resta il motore segreto della storia, l’ondeggiare delle immagini fra vecchio e nuovo nel mischiare dietro le quinte, prove e il privato, apre orizzonti nuovi, universali, dove la memoria non è retaggio del passato ma punto di partenza necessario per disegnare il futuro.

Nell’occasione verrà presentato il libro+dvd Passaggi di tempo. Il viaggio di Sonos ‘e Memoria alla presenza del regista Gianfranco Cabiddu.

 

MERCOLEDI   26 AGOSTO

GIARDINO DI NOTE – ORE 22.00

Il mio paese – di Daniele Vicari

Un viaggio in pullman attraverso l'Italia industriale. Partendo da Gela e Termini Imerese, e passando per la Basilicata e la Toscana, Vicari approda alla triste realtà di Porto Marghera, lasciando spazio ai volti e alle parole della gente comune. 
La sua esplorazione della nostra penisola ripercorre in senso inverso il viaggio compiuto da Joris Ivens nel 1960 per il documentario “L'Italia non è un paese povero”, spaccato di vita dell'Italia dello sviluppo del dopoguerra, commissionato dal presidente dell'Eni Enrico Mattei. Le drammatiche immagini in bianco e nero del lavoro di Ivens, censurate all'epoca dalla Rai, trovano spazio quarant'anni più tardi nel film di Vicari, alternandosi a immagini di strade riprese attraverso il finestrino di un pullman in corsa, squallidi e desolati scenari industriali, e paesaggi ancora incontaminati della nostra terra.

Introdurrà la visione del documentario il direttore della fotografia Gherardo Gossi

 


Il festival



GIOVEDI 27 AGOSTO

21.30 Piazza Repubblica, “Ay l’amor” spettacolo itinerante con gli attori del Teatro dei due mondi di Faenza con parte finale ore 22.15 a Porta leone. 23.45 Giardino di note,“Gavino Murgia trio” concerto di Gavino Murgia, Michel Godard, Pietro Iodice.

 

VENERDI   28   AGOSTO

12.30 “Gufo buffo nei carruggi” anteprime dell’attore Paolo Grasso degli spettacoli serali per i bambini. 13.00 Barone Rosso in via XX settembre: aperitivo musicale. 19.00 per il percorso Visioni, “Creature” di e con Francesca Ria e Marianne Kipp (luogo da definire, posti limitati su prenotazione - vedi indicazioni più avanti nel programma). 20.00 Piazza Repubblica, Gufo Buffo in “Favole di animali”. 20.45 Centro Storico -lungomare Kamchatka performance degli artisti del gruppo Kamchatka di Barcellona. 22.30 Porta Leone “I Musicanti di Brema” spettacolo della Compagnia Catalyst di Firenze. 23.45 Giardino di note, “Sephardic Project” in concerto.

 

SABATO   29   AGOSTO

12.30 “Gufo buffo nei carruggi” anteprime dell’attore Paolo Grasso degli spettacoli serali per i bambini. 13.00 Niko Bar in Piazza Carlo Emanuele aperitivo musicale. 19.00 per il percorso Visioni, “Spade e cipolle” di e con Angela Iurilli (luogo da definire, posti limitati su prenotazione - vedi indicazioni più avanti nel programma). 20.00 Piazza Repubblica, Gufo Buffo in “Favole di extraterrestri”. 21.00 Piazza repubblica “Passeggiata Musicale” attraverso le scalinate e i carruggi del centro storico. 22.00 Porta Leone “Ambreto Malefica” spettacolo di nuovo circo della Casata Maluf di Torino. 24.00 Giardino di note, “Cuya” concerto per voce, piano, sonagli con Valerio Baraccani. Produzione Botti du Shcoggiu.

 

DOMENICA   30   AGOSTO

“Gufo buffo nei carruggi” anteprime dell’attore Paolo Grasso degli spettacoli serali per i bambini. 13.00 La Ciappelletta in via Roma aperitivo musicale. 19.00 per il percorso Visioni, “Voci di donna” monologhi di Serena Di Gregorio e Pina Di Gennaro (luogo da definire, posti limitati su prenotazione - vedi indicazioni più avanti nel programma).20.00 Piazza Repubblica, Gufo Buffo in “Saltapicchio”. 21.30 Piazza repubblica “Parata di chiusura” con i musicisti dei Camillocromo e gli artisti di strada dei Vitamina Circo e i trampolieri dei Cronopios e parte finale a Porta Leone. 23.30 Giardino di note, “A que” concerto di Battista Dagnino, Frank Coppola, Antonello Aversano, Carlo Caramia, Silvio Canargiu, Riccardo Loi.

 

L’ INGRESSO   AGLI   SPETTACOLI   E TUTTE   LE ATTIVITA’ SONO LIBERI   E GRATUITI  

IL PROGRAMMA   PUO’ SUBIRE   VARIAZIONI



21-08-2009
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
22-02-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=2137