Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    16 settembre 2019
Home > Cartellone > Proseguono gli appuntamenti con la seconda edizione di Sardegna Teatro in.corto/07
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Proseguono gli appuntamenti con la seconda edizione di Sardegna Teatro in.corto/07

Proseguono gli appuntamenti con la seconda edizione di Sardegna Teatro in.corto/07 il premio concorso rivolto a giovani artisti locali promosso dal Cada die teatro e da InmediaArte.




A partire dalle 18.30, nella sala Rubino del Centro d'Arte e Cultura La Vetreria di Pirri, si esibiranno in performance di durata massima di 15 minuti gli ATTORI ILLEGITTIMI con Senza nome, ANANCHE' con Incontri per caso e ALBERTO LORRAI con Stra-Volti.

La serata proseguirà alle 21.00 al Teatro La Vetreria con l'attesissimo ULDERICO PESCE che porterà in scena L'innaffiatore del cervello di Passannante.





Attore e regista, Pesce si è inserito con i suoi ultimi lavori in quella corrente dei narratori, dei cantastorie di un'Italia dimenticata, del passato prossimo. Del fare teatro passando per l'archivio, per le testimonianze, le foto di famiglia, la memoria e poi agitando il tutto per un perfetto cocktail da scena.




C'era una volta un paese in Basilicata che si chiamava Salvia dove era nato un uomo: Giovanni Passannante.




Nel 1878 con un coltellino con una lama di quattro dita cercò di uccidere il re Umberto I di Savoia. Condannato a morte la pena gli fu convertita in ergastolo mentre sua madre e i suoi fratelli furono immediatamente internati nel manicomio di Aversa.

Passannante fu rinchiuso in una torre sull'isola d'Elba in una cella senza finestre sotto il livello del mare dove fu isolato per dodici anni. Si ammalò, cominciò a cibarsi dei propri escrementi.






Anni dopo fu trasferito in un manicomio criminale dove morì nel 1910. Grazie alle teorie del Lombroso al cadavere fu tagliata la testa.

Il cranio e il cervello sono esposti nel Museo Criminologico di Roma dove ancora oggi possono essere "ammirati" pagando due euro. Quel paese si chiamava Salvia, ma fu ribattezzato "Savoia di Lucania".



10-11-2007
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
16-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=202