Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    16 settembre 2019
Home > Cartellone >
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



ideato e curato dal cada die teatro



Prosegue la programmazione di Ogliastra Teatro – festival dei tacchi ideato e curato dal cada die teatro.













 

Venerdì 8 agosto 2008, la giornata si aprirà alle 9.30, nella sala di Piazza Barigau a Ulassai, con la prima parte del Convegno internazionale dal titolo “il teatro che ho in testa – per un festival di teatro da sogno”promosso dal cada die teatro, dal BES (Best Events Sardinia) e dal suo capofila Ater – Associazione Teatrale Emilia Romagna.
L’iniziativa si propone come momento di confronto e di riflessione sul teatro e sulla società del nostro presente, sulle linee di tendenza, gli scenari futuri e i possibili percorsi di sviluppo. Partecipano direttori di festival e teatranti, docenti universitari e studiosi, giornalisti e operatori istituzionali impegnati in attività di sostegno e di promozione culturale della Sardegna. Introducono i temi del convegno GIANCARLO BIFFI (direttore artistico di Ogliastra Teatro – festival dei tacchi) e ROBERTO CALARI (responsabile progetto BES); partecipano GIOVANNI SORU - Sindaco di Ulassai, ADAMO PILI – Direttore Agenzia Sardegna Promozione, GIUSEPPE LOI – Presidente GAL Ogliastra, ANTONELLO ARRU – Presidente Fondazione Banco di Sardegna; intervengono al dibattito MARIA ANTONIETTA MONGIU - assessore alla Cultura Regione Sardegna, PAOLA BERSELLI e STEFANO PASQUINI – direzione artistica Teatro delle Ariette, Castello di Serravalle, Bologna, FRANCISCO ORTUNO MILLAN - direttore artistico CAT di Siviglia, Spagna, MASSIMO BISCARDI - direttore artistico Fondazione Teatro Lirico di Cagliari, MASSIMO PAGANELLI – direttore Armunia festival, Castiglioncello, BRUNO CAPPAGLI – attore e regista La Baracca, Bologna, FRANCO MARZOCCHI – direttore artistico del festival di Montevecchio, Guspini, ELENA DI GIOIA – Gruppo elettrogeno, Bologna, MICHELE TRIMARCHI – economista e PAOLA TRIPOLI – festival internazionale del teatro di Lugano, Svizzera. La mattinata si chiuderà alle 13.30 con un buffet offerto dalla Proloco di Ulassai.

La giornata, proseguirà alle 18.00, nella sala Racugno di Jerzu, con la presentazione della mostra fotografica “L’altra America: Nicaragua”, curata dall’associazione Los quinchos e dedicata ai bambini di strada di Managua.

Alle 20.00 la Grotta Su Murmuri a Ulassai farà da suggestiva cornice allo spettacolo del cada die teatro Tzia Teresa  di e con ALESSANDRO MASCIA.

Sardegna 1943, la guerra, la resistenza. Leandro è un disertore, Teresa è una donna ingenua e innamorata.

Ormai settantenne, Teresa ricorda durante un malore, tutta la sua vita, il suo primo incontro con Leandro, le feste e l’amore, la paura e la guerra, il viaggio per ritrovare il suo ragazzo arrestato.

 

La serata si chiuderà alle 22.00 nel cortile del liceo scientifico di Jerzu con lo spettacolo del cada die teatro Los locos del Calvario, di e con GIANCARLO BIFFI, con le musiche dal vivo del cubano RUBEN CHAVIANO e la regia di MAUEO MOU e SILVESTRO ZICCARDI.

Confuso, impaurito, tenta di rispondere a domande troppo grandi per lui, ed è proprio mentre lo sforzo diventa quasi ridicolo che i ricordi affiorano e ci portano nel suo viaggio. Stretti a lui partiamo e andiamo a incontrare i “matti di Dio”… Los locos del Calvario, i ragazzi di strada di Managua che ogni giorno, a strappi, morsi e sputi, cercano di prolungare ancora di qualche centimetro la propria corsa.

 

---------------------------------------------------





sabato 9 agosto 2008, la giornata si apre alle 9.30, nella Cantina Antichi Poderi di Jerzu, con la seconda parte del Convegno internazionale dal titolo “il teatro che ho in testa – per un festival di teatro da sogno” promosso dal cada die teatro, dal BES (Best Events Sardinia) e dal suo capofila Ater – Associazione Teatrale Emilia Romagna.

L’iniziativa si propone come momento di confronto e di riflessione sul teatro e sulla società del nostro presente, sulle linee di tendenza, gli scenari futuri e i possibili percorsi di sviluppo.


Partecipano PIERO CARTA - Presidente Provincia Ogliastra, MARIO PIRODDI - Sindaco di Jerzu, MANFREDI MURA – Presidente Cantina Antichi Poderi. Introducono i temi del convegno GIANCARLO BIFFI (direttore artistico di Ogliastra Teatro – festival dei tacchi) e ROBERTO CALARI (responsabile progetto BES); Coordina il dibattito il giornalista COSTANTINO COSSU. Sono in programma gli interventi di FABIO BIONDI – direttore artistico Arboreto di Mondaino, ANTONIO CABIDDU – La notte dei poeti, Nora; LUCIO D'AMELIO - presidente La Baracca Testoni ragazzi, Bologna, ROBERTO GRANDI – prorettore Università di Bologna, coordinatore Commissione culturale Festival delle arti, Bologna, GIACOMO CASTI – organizzatore di Marina Cafè Noir, Cagliari, ROBERTO GIOVANARDI - direttore Ater, Bologna, MAURO MELI - sovrintendente Teatro regio di Parma, MASSIMO PALMAS – direttore European Jazz Expò, Cagliari, SILVANO PATACCA – responsabile artistico settore danza Fondazione Teatro di Pisa, JEAN FRANCOIS PERRONE – direttore artistico festival Scen'e sonniu, Portovecchio, Corsica, RUGGERO SINTONI – presidente e co-direttore artistico Accademia perduta/Romagna teatri, Ravenna. È stato invitato a partecipare RENATO SORU - Presidente Regione Sardegna.


La mattinata si chiuderà alle 13.30 con un buffet offerto dalla Cantina Antichi Poderi.


Alle 20.00, al Museo etnografico di Jerzu, il cada die teatro presenta Arcipelaghi dal romanzo di Maria Giacobbe, in scena ALESSANDRO MASCIA e PIERPAOLO PILUDU diretti da ALESSANDRO LAY.


Giosuè, un ragazzino di quattordici anni, viene ucciso perché ha visto troppo; nessuno sa chi è stato. Tre mesi dopo nella notte di S. Antonio, la notte dei fuochi, un uomo viene freddato con un colpo di pistola.


La mattina successiva, il fratello gemello di Giosuè, Oreste, si presenta lacero e bagnato fradicio a casa dei Rudas, amici di famiglia che vivono in un paese a parecchi chilometri dal suo.


La serata si chiude alle 22.00, nel cortile del liceo scientifico di Jerzu, con lo spettacolo il sole del brigante di ALFONSO SANTAGATA della compagnia Katzenmacher che vede in scena Alfonso Santagata e MASSIMILIANO POLI.



Sono i briganti i protagonisti, quelli che vivono alla macchia passando velocemente da una regione all’altra, quelli che con la loro scelta di vita estrema comunicano crudeltà e poesia: una complessità lontana dalla fascinazione romantica e dal giudizio cinico e negativo. 


Sono tre i confini scelti tra Basilicata, Campania e Puglia e sono tre le storie che Santagata propone per raccontare e far vivere il brigantaggio nel periodo che va dal 1860 al 1866.








Per ricevere informazioni sul festival è possibile contattare l'ufficio festival, ospitato presso la proloco di Jerzu in via Umberto 265, al numero 328.2553721 o il contact center BES (Best Events Sardinia) al numero verde 800 88 11 88.


 





08-08-2008
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
16-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=1414