Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    5 giugno 2020
Home > Cartellone > Ritornano i Tazenda a Cagliari
Login
User

Password
Recupera password 
 

CARTELLONE

 



Ritornano i Tazenda a Cagliari

Ritornano i Tazenda a Cagliari, l'8 settembre all'Anfiteatro romano (inizio ore 21,30), nella nuova formazione con la voce di Beppe Dettori, per il primo concerto nel capoluogo sardo organizzato da La Via del Collegio, dopo l'uscita dell'ultimo disco "Vida".



Un grande album che sta scalando le classifiche con gli otto brani inediti, i cinque brani del repertorio Tazenda completamente rimasterizzati, il contributo straordinario di Eros Ramazzotti che canta nel brano Domo mia, tra i primi posti nelle hit parade italiane, e infine l'emozionante duetto virtuale con Andrea Parodi, in cui, grazie alla tecnologia, Giuseppe Dettori, Luigi Camedda e Luigi Marielli, si ritrovano tutti insieme al fianco dell'indimenticata voce sardo-ligure più amata dell'isola, nel celebre brano tradizionale No potho reposare. Con i brani Domo Mia e Universos prodotti e arrangiati da Maurizio Bassi, i Tazenda stringendosi al nuovo, bravissimo cantante Giuseppe Dettori, aprono un nuovo corso musicale e un nuovo mondo sonoro, pur mantenendo la tradizione e la musicalità della lingua sarda. Il brano Desperada e laudada, con la produzione e gli arrangiamenti di Riccardo Piparo, dimostrano come sempre la loro stupefacente capacità di fondere la tradizione musicale sarda con i suoni moderni con ottimi risultati.



Il brano di apertura dell'album, Domo mia, vede la partecipazione straordinaria di Eros Ramazzotti, un commosso omaggio ad Andrea Parodi, suo caro amico.



Dopo un attento ascolto del singolo, il cantante romano ne rimase così colpito al punto da voler partecipare a questo tributo speciale, alla vigilia della scadenza prevista per la stampa del CD. Un simile connubio artistico sarebbe stato irripetibile, perciò Radiorama (l'etichetta di Eros) ha bloccò le 'macchine' per far sì che si realizzasse, anche a costo di ritardare di qualche giorno l'uscita del CD, come afferma lo stesso Eros:<< Andrea Parodi era un mio fans. Col nuovo cantante Beppe Dettori mi è sembrato giusto fare qualche cosa per ricordarlo, il pezzo è bellissimo, ho dovuto solo capire come mettermi con il sardo>>. Gino E Gigi, insieme al bravo musicista, cantante, song writer, chitarrista Beppe Dettori, espatriato a Milano più di venti anni fa, dove ha trovato la sua strada musicale collaborando in tutti questi anni con i nomi più importanti della scena pop italiana, ritornano, orientati su nuove sonorità, fresche, solari, profonde, sensuali, fresche alchimie che si incontrano nei nuovi brani. Una nuova strada da percorrere dopo il penultimo album "Bum-Ba", un cocktail di umanità, spiritualità, tecnologia e saggezza, sentimenti di pace e amore universale, che ha raccolto considerevoli consensi a livello nazionale. Il loro approccio verso la musica tradizionale e contemporanea si rinnova ora di nuova linfa, cantano sempre in sardo i ritmi della tradizione, di "cose" familiari che appartengono al più intimo DNA dell'isola, della sua identità, talvolta assopita, ma da loro contaminata e rigenerata attraverso i suoni e i sapori delle terre del sud, come Cuba, il Sud America, o la Francia, la Spagna, i Pirenei, gli zingari, i baschi, i jazzisti frikkettoni, i nuovi Tazenda. Dopo l'ultimo lavoro discografico con Andrea Parodi, non hanno mai smesso di produrre dischi. Insieme agli album dei primordi, i Tazenda hanno venduto complessivamente fino ad oggi oltre 500.000 copie, grazie anche agli ultimi "Sardinia" (1998), "Bios" (2001) e "Bandidos" (2003). Tante sono le loro collaborazioni con artisti del calibro di Gianni Morandi, Simple Minds, Fabrizio de Andrè, Pierangelo Bertoli, Mauro Pagani, Paola Turci, Intillimani, Maria Carta, come tanti sono i paesi nel mondo che li hanno visti esibirsi: Stati Uniti, Cuba, Canada, Germania, Inghilterra, Svizzera, Belgio. Considerati la "bandiera sarda nel mondo" hanno ottenuto premi e riconoscimenti tra i quali il Telegatto per il miglior gruppo italiano, Premio Tenco e il Premio Nosside.



I biglietti per il concerto dei Tazenda a Cagliari sono disponibili al costo di 20,00 in platea, 1° e 2° anello a 15,00, e 13€ il 3° anello, presso il BOX OFFICE DI V.le Regina Margherita 43 - tel. 070/657428.





TAZENDA – Biografia



Il loro primo lavoro discografico dal titolo omonimo sin dagli esordi (1988) mostra subito un sound che li contraddistingue: launeddas, tenores campionati, l’uso delle fisarmoniche diatoniche e delle chitarre elettriche che rimandano alle cornamuse, le loro voci inconfondibili unite al carisma e alle caratteristiche speciali della voce leader, vocal tanto potente quanto duttile con particolare propensione per gli acuti, li rendono immediatamente riconoscibili al punto da identificare il loro suono particolare nel “sound Tazenda”: un marchio di fabbrica unico. “Murales” è senz’altro uno tra i capolavori della celebre band sassarese, un mix fra tradizione millenaria e rock, che ha portato la stessa, due anni dopo l’esordio del primo disco, al grande successo tra il pubblico e la critica nazionale ed internazionale, grazie anche alla partecipazione, con la canzone scritta a sei mani con Pierangelo Bertoli “Spunta la luna dal monte”, all’edizione sanremese del ’91, che fece riscuotere loro un incredibile applauso di un minuto e mezzo, rimasto negli annali della storia del Festival. Da quei primi album, che vendettero migliaia di copie, ne seguirono altri quattro: “Limba” (1992), “Il Popolo Rock” (1993), “Fortza Paris” (1995) e “Il Sole di Tazenda” (1997), che segnò anche la fine del sodalizio artistico fra i tre musicisti, decretando però per ognuno di loro l’inizio di un nuova carriera, ricca di originali produzioni discografiche, ulteriori consensi di pubblico e critica, successi, novità e inconsuete contaminazioni sonore. Pur essendosi divise le loro strade artistiche, gli storici Tazenda hanno sempre conservato una solida amicizia, che negli ultimi anni ha fatto riemergere il desiderio di nuove collaborazioni in particolare tra Parodi e Marielli per la scrittura di alcuni brani, ispirando loro una breve esibizione dal vivo, nell’edizione del 2004 di Rocce Rosse & Blues o la breve e intensa performance in “Mamoiada” al TIM Tour 2004, rinvigorendo così l’idea, ormai sempre più forte, di un possibile concerto di riunione, in un momento della loro carriera in cui il proprio percorso artistico è chiaramente definito e consolidato, concretizzatosi insieme alla storica voce di Parodi nel 2006 con una serie di concerti nell’isola avviata nel 2005 con il primo grande evento che li vedeva riuniti dopo quasi dieci anni, all’Anfiteatro romano di Cagliari.



Dall'uscita del leader Andrea Parodi nel '97 fino al 2005, i Tazenda hanno avuto e provato nuovi cantanti, senza però trovare quella nutrimento vitale che poteva portarli di nuovo al successo fuori dall'isola. Adesso è entrato ufficialmente come nuovo cantante leader all'interno del gruppo il cantante Beppe Dettori, persona di grande carisma e carica emotiva, già conosciuto nell'ambiente musicale sardo e "continentale". Da giugno 2007 i Tazenda affidano il management alla Targetmanagement di Angelo Carrara.




06-09-2007
 
Info

Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
05-06-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=cartellone&id=130