Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    20 settembre 2018
Home > Banca dati: Organizzazioni > enti, associazioni e gruppi musicali > Daniele Pasini Project
Login
User

Password
Recupera password  REGISTRATI
 

ORGANIZZAZIONI

 
     

Daniele Pasini Project




Il Daniele Pasini Project
nasce nel Giugno del 2007 con l’intento di coniugare in un unico progetto
tutta una serie di sperimentazioni effettuate negli anni precedenti. Il lavoro
discografico è composto da cinque tracce:
la prima e l’ultima (il Kyrie, musica che si ispira al monte Krisevac di
Medjugorje) sono due versioni diverse di uno stesso brano: la seconda
versione è realizzata con la collaborazione del pianista australiano - di
straordinario talento - Peter Waters.
Le tre tracce centrali non sono altro che sovraincisioni di improvvisazioni free:
ognuna delle improvvisazioni fa riferimento ad un tema conosciuto o meno,
che viene reso apposta difficilmente riconoscibile. La loro realizzazione è
stata possibile grazie al prezioso contributo tecnico di Mauro Mulas
(myspace.com/mauromulas), che ha curato presa del suono, mixaggio e live
electronics.
Il CD si intitola AlephZero e si pone in continuità con la tematica affrontata
da Daniele Pasini nella propria tesi di laurea: l’Infinito Matematico. Georg
Cantor, grandissimo matematico, fondò una sorta di “teologia del numero”
che fu approvata dalla Santa Sede. Essendo il numero 5 (il numero totale
delle tracce) un numero importante nella teologia cattolica e dato che l’aleph
oltre ad essere la prima lettera dell’alfabeto ebraico rappresenta anche, in
matematica, un concetto matematico legato all’infinità di Dio, si è cercato di
coniugare questi elementi in un unico prodotto discografico. Pertanto: il CD è
un viaggio nell’infinità di Dio, il Kyrie è usato per far riferimento al concetto di
Dio come alfa (aleph) e omega, inoltre ogni brano presenta un sottotitolo, vale
a dire i nomi dei libri del Pentateuco (Bereshit, Shemot, Vayikra, Bamidbar,
Devarim) usati però a puro scopo evocativo. Tale lavoro è, dunque, un
tentativo di coniugare matematica, teologia cattolica ed ecumenismo.
La grafica, realizzata da Massimo Podda (www.massimopodda.com) è di tipo
pittorico ed essenziale.
Il CD si configura come uno spettacolo aperto: infatti è anche una base per
spettacoli multimediali (danza, pittura dal vivo, etc...) oppure come base nella
quale musicisti si cimentano nell’interazione dal vivo con il CD stesso.
Durante il concerto verrà offerta la possibilità al pubblico di comprendere la
flessibilità del progetto, che si configura come una base con la quale interagire
liberamente.
Un grazie particolare alla Società di S.Anna e ad Enrico Pasini (per aver messo
a disposizione gli spazi necessari per le registrazioni), allo straordinario
talento di Peter Waters, a Mauro Mulas (che ha curato presa del suono e
mixaggio), a Massimo Podda (che ha curato grafica) e Giovanni Carlini (che ha
curato mastering) e a Gianni Menicucci per la produzione esecutiva.

IMMAGINI


Ultimo aggiornamento: 09/07/2008
 
Info


Produzioni


Video



Audio


Comunicati
 
Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2018 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
20-09-2018
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=scheda_organizzazioni&id=434