Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    20 settembre 2019
Home > Banca dati: Organizzazioni > compagnie e gruppi teatrali > La Maschera
Login
User

Password
Recupera password  REGISTRATI
 

ORGANIZZAZIONI

 
     

La Maschera


Cooperativa teatrale

Era il lontano 1966 quando nasceva il primo nucleo dell'attuale Compagnia Teatrale LA MASCHERA.
Erano alle porte gli anni della contestazione giovanile, e a San Sperate luogo d'origine del gruppo e "periferia dell'impero", in quegli anni accadeva qualcosa di ben più importante per il loro futuro: un giovane Scultore del posto ( Pinuccio Sciola), era riuscito a catalizzare, intorno alla sua idea rinnovatrice dell'arte, un vasto movimento socio-culturale, denominato PAESE MUSEO del quale a tutti è nota l'importanza che assunse in tutta l'isola.

LA MASCHERA, partecipava attivamente a tutte le iniziative che venivano intraprese, vedendo così, in modo estremamente naturale, arricchita la formazione umana e professionale. Basti ricordare a questo proposito, la lunga permanenza dell'ODIN THEATRE di Eugenio Barba e di tanti Artisti di livello mondiale, è proprio in questo momento così importante della formazione che i Componenti della Compagnia decidono di abbandonare la farsa per mettere in scena le opere di A. Garau, sicuramente tra i grandi rappresentanti della commediografia isolana: le opere di GARAU, di fatto, consentono loro di esprimere al meglio l'anima dei Sardi e le loro problematiche. Cominciano ad arrivare riconoscimenti prestigiosi: nel '76, partecipando alla rassegna ARTE E AMBIENTE della biennale di Venezia, mettendo in scena SA PROFESSORESSA, che ebbe un gran successo di pubblico e di critica -

Nel 1990 la compagnia LA MASCHERA è fra i gruppi che danno vita ad A.R.T.E (l'Associazione Regionale del Teatro Etnico). Costituita dalle cinque compagnie più rappresentative, che mirano a ricercare le proprie radici nel Teatro. Nel 1991 si mette in scena una brillante commedia, firmata da S. VARGIU, Autore contemporaneo, dal titolo S'AMORI PO LITERA, con la regia di E. Parodo. Nel 1992, ricorrenza del primo centenario di un grave avvenimento, un'inondazione che distrusse il paese e provocò innumerevoli vittime, si concretizza una aspirazione, quasi una "necessità" del teatro, cioè guardare alla storia per capire il presente. Attinge quindi a piene mani dalla storia e dalla memoria degli anziani e si allestisce il dramma che tratta dell'avvenimento: S'UNDA MANNA di Alfonso Spiga con la regia di Giampietro Orrù.

Successivamente - e siamo al '94 - si torna ai classici: regia di G. Boi, mettendo in scena uno spettacolo tratto dal capolavoro del teatro russo: Il CANTO DEL CIGNO di A. CECHOV che diventa S'URTIMU CANTU. Sembra di leggere in questo allestimento una sorta di bilancio dell'intero gruppo, ma tanto più dell'interprete dell'opera Mario Fulghesu, che ha ormai dedicato al teatro trentacinque anni della propria esistenza.Nel 1995 il Gruppo lavora all'allestimento di un testo dalla comicità esilarante intitolato BRULLAS DE ATTORI, un tentativo di tornare al Teatro nel teatro. Nel 1999 viene messa in Scena, CUN D'UN OGU SERRAU, una Commedia liberamente ispirata al racconto di Cervantes " Il Vecchio Geloso "
Un'altra conferma, se mai ve ne fosse la necessità, che fare teatro per la compagnia è prima di ogni altra cosa, un tentativo di raggiungere certezze attraverso la finzione…
Nella stagione 2000, con la Direzione Artistica del Regista Teatrale ENZO PARODO, sono stati realizzati: Quaranta spettacoli Teatrali della Compagnia, organizzazione dell'Undicesima Rassegna Aska 2000 con cinque rappresentazioni Teatrali e sette concerti di Musica (jazz-classica-rock), venti proiezioni cinematografiche, Servizi Tecnici Audio-Luci-Scenografici per la propria Compagnia e per quelle esterne, gestitone della Sede Stabile ( un'Arena da 400 posti e un Teatro da 100 posti ).

Dopo 35 anni di attività e 10 di appartenenza alla categoria "Professionisti"( Art. 56 ), nel mese di luglio del 2000 l'Assessorato alla Cultura della Regione Sardegna considera le nostre Referenze non sufficienti e senza neanche una comunicazione siamo stati esclusi.

Il 2001 vuole essere motivo di riflessione sul significato da dare al trascorso, ma ancora di più alla progettazione del futuro, intendiamo farlo insieme al pubblico, che da sempre è stato il Critico dei nostri "lavori" e con tutti coloro che dagli anni settanta ebbero la convinzione che "La Maschera" potesse Recitare un ruolo da protagonista nel Teatro Sardo.

IMMAGINI


Altre informazioni

Collaborazioni: Biennale di Venezia

Componenti

Mario Fulghesu, Pili Giuseppe, Feduzi Andrea, Pilia Giuliano, Addaris Giampaolo, Pillittu Ida, Mameli, Luciano Addaris, Carlo Mameli, Pino Maccioni, Valeria, Porcu Gina


Ultimo aggiornamento: 04/11/2008

 
Info


Produzioni


Video



Audio


Comunicati
 
Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
20-09-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=scheda_organizzazioni&id=31