Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    25 ottobre 2020
Home > Banca dati: Produzioni > Teatro > prosa > LA VITA IN VERSI
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRODUZIONI

 

LA VITA IN VERSI

Cavalcat poetica attraverso i secoli

Autore: Franco Graziosi

Regia: Franco Graziosi

Protagonisti

con Paolo Meloni, Maria Grazia Sughi, Luigi Tontoranelli
e, tra i giovani attori che hanno partecipato al laboratorio I ritorni, Michela Atzeni


Nota Artistica

Se la Nazione italiana ha un secolo e mezzo di vita, la sua Poesia è nata mille anni fa. E' proprio merito dei poeti se dal rozzo latino parlato dalla plebe nei secoli precedenti l'anno Mille, fiorirà nella penisola un lingua comune a tutte le genti italiche. Lo spettacolo, nuova produzione del Teatro Stabile della Sardegna, sarà un viaggio condotto con sapiente passione da Franco Graziosi in mille anni di poesia alla ricerca delle radici della nostra lingua. Alla musicalità tutta straordinaria dei versi si intreccerà il racconto della vita dei poeti, in una cavalcata storica appassionante e densa di temi religiosi, teologici, spirituali e politici. Da Jacopone da Todi a Dante Alighieri, da Petrarca a Foscolo a Manzoni, fino ad arrivare alla grande stagione poetica novecentesca di Campana, Montale, Ungaretti, Caproni, Giudici, la parola poetica, con i suoi ritmi sempre diversi, le sue cesure, i suoi accenti, ci farà capire tutta la straordinaria ricchezza espressiva della nostra lingua.

«Perché versi e non prosa? Siamo gente di teatro, la nostra materia è la scrittura drammaturgica. Ma la ragione c'è, ed è nel particolare rapporto che lega l'una all'altra, la prosa e la poesia. La scrittura poetica, il verso, offre alla prosa interessanti soluzioni espressive. L'attore di prosa si impegna in una ricerca psicologica suggerita dalla sua personale esperienza, ma è un lavoro che non sembra curare il valore intimo della parola, l'espressione imprevedibile che nasce dal pensiero che la governa: il "gioco" del teatro è tutto qui. Il nostro "gioco" deve eccitare la fantasia, liberare improvvisazione e imprevedibilità. Quali "attrezzi" possono, dunque, essere utili al nostro mestiere di teatranti, e dove cercarli?
Non ho mai dimenticato il Maestro Mario Pelosini, pisano, insegnante di dizione in versi, il primo anno in Accademia; il suo modo di affrontare la scrittura poetica, il verso, le tecniche suggerite da questa espressione: i ritmi, gli accenti, le cesure. Una incisività che, come scolpisce le immagini nella poesia, così può fare nella prosa, scomponendo il testo teatrale in una scrittura "versificata", tale da rendere possibile la ricerca di quegli "attrezzi", che restituiranno incisività alle immagini, libereranno la fantasia e consentiranno di ritrovare quel "gioco". Ricordiamo sempre che rappresentare non significa fotografare la verità della vita, ma intuizione poetica di "una" verità.
Perché questi poeti, perché queste poesie e non altre? Dico subito che non c'è stato "metodo". Da sessanta anni, accanto alla mia primaria occupazione di attore di prosa, ho sempre avuto una particolare attenzione per la poesia. Lentamente, giorno dopo giorno, ho conosciuto i poeti e i loro versi, ma non ho avuto la possibilità di acquisire una vasta e profonda conoscenza. Leggevo una poesia, mi piaceva, la mettevo nel cassetto della mia memoria. In un percorso che va dalle origini ai nostri giorni, sarebbe difficile ricordare tutto e tutti. Perciò non si tratta di preferenze o esclusioni, soltanto del piacere di riascoltare il suono di quei versi che hanno arricchito il mio lavoro».
Franco Graziosi


Info

Minimax

Ottobre 2010
21-22-23 ore 21
24 ore 19
25-26-27 ore 11 (per le scuole)

Novembre 2010
17-18 ore 11 (scuole)
19-20 ore 21
21 ore 19
23-24-25 ore 11 (scuole)
26-27 ore 21
28 ore 19
Biglietti
Intero € 20 Ridotto €15
Orari biglietteria: da lunedì a sabato 10-13 e 17-20 (21 nei giorni di spettacolo, domenica 17-19)
tel. 0706778129
biglietteria@teatrostabiledellasardegna.it

www.teatrostabiledellasardegna.it


Ultimo aggiornamento: 18/10/2010

 
Info
 


Produzioni


Produzioni  >>  Teatro


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
25-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=produzioni&sottocategoria=1&categoria=1&id=245