Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    24 ottobre 2020
Home > Banca dati: Produzioni > Teatro > prosa > SANGUE DAL CIELO. QUASI UN MUSICAL
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRODUZIONI

 

SANGUE DAL CIELO. QUASI UN MUSICAL


Autore: Anna Zapparoli e Guido De Monticelli. Tratto dal romanzo di Marcelllo Fois "Sangue dal cielo&qu

Regia: Guido De Monticelli

Musiche: Mario Borciani

Protagonisti

Corrado Giannetti, Maria Grazia Sughi, Lia Careddu, Maria Grazia Bodio, Luigi Tontoranelli, Cesare Saliu, Marco Spiga, Isella Orchis, Paolo Meloni

Scene: Barbara Petrecca

Costumi: Barbara Petrecca

Nota Artistica

Sangue dal cielo è un noir, la storia di un misterioso caso giudiziario che ha come scenario la Nuoro di fine ’800. Al centro di quel caso, la figura del popolare avvocato e poeta barbaricino Sebastiano Satta, vissuto appunto a cavallo del secolo, il quale ripercorre la vicenda del suo assistito, un ragazzo con tratti di fragilità psico-fisica, accusato di aver commesso un omicidio.
Ma Sangue dal cielo è anche un sogno, una lunga notte di sonno agitato, popolata di suoni e visioni, e battuta da una pioggia scrosciante, continua, che rimbalza sull’acciottolato, sui vetri, sulle tegole, penetra fin nella stanza di Bustianu, l’avvocato-poeta, portando all’inquieto sognatore le immagini e le presenze del suo passato di ragazzo. Jaju, il nonno, Bisaju, il bisnonno, e Babbu, il padre morto prematuramente in una notte in cui la pioggia si era fatta rossa come il sangue, compaiono, materializzandosi fra le lenzuola del suo letto fattosi ormai fanghiglia melmosa. Lo aiuteranno a farsi strada nell’intricato caso giudiziario che si complicherà per la misteriosa morte in carcere del ragazzo accusato di omicidio, ma anche lo condurranno alla scoperta di se stesso ragazzo in un percorso a ritroso fino a quel giorno cruciale in cui Babbu partì per il Continente per non farvi più ritorno.
Lo spettacolo del Teatro Stabile della Sardegna trasferisce sulla scena la grande musicalità del romanzo di Marcello Fois dove il formidabile concertato della pioggia sembra avvolgere Nuoro facendone un nebbioso paesaggio dell’anima popolato di presenze e di suoni. E sono suoni che presto trascolorano in musica.
Ed ecco la Belle Epoque di un piccolo spettacolo di varietà orientaleggiante e vagamente salgariano a cui si reca Bustianu, coi suoi cieli di cartapesta raffiguranti Bombay al tramonto e i suoi fachiri impegnati in terribili prove, sotto i cui turbanti si rivela, a Bustianu sognante, il sembiante dei suoi avi blateranti un comico gramelot sardo-indiano; o il positivismo lombrosiano del famoso alienista, dottor Puligheddu, consultato dall’avvocato per una perizia, che, in sghembi versi e couplet da operetta, illustra agli ospiti del celebre Caffè Tettamanzi di Nuoro (in una scena completamente musicale) i sintomi dell’isteria criminale. Ma la musica si impenna, di fronte al folgorante incontro di Bustianu con la giovane Clorinda.
Ed è subito un trasognato recitar cantando monteverdiano a trasfigurare una semplice ragazza nuorese nella Clorinda guerriera che combatte in singolar tenzone col suo prode Tancredi. E saranno le note di un adagio di Mozart provenienti incredibilmente da una povera masseria della Barbagia, a inebriare Bustianu che, di fronte al contadino
che lo invita all’ascolto, dovrà confessare di non aver mai sentito la musica di quel sublime compositore.
Infine una marcetta deliziosamente infantile (anch’essa mozartiana) rivelerà e accompagnerà la mania vagamente autistica del ragazzo accusato di un omicidio in realtà mai commesso, di intagliare soldatini nel legno. E sarà anche il segno dell’infanzia ritrovata di Bustianu,
avvocato, poeta e sognatore, a suggello di quello che potremmo chiamare un piccolo musical onirico.



Ultimo aggiornamento: 02/02/2010

 
Info
 


Produzioni


Produzioni  >>  Teatro


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
24-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=produzioni&sottocategoria=1&categoria=1&id=226