Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    24 ottobre 2020
Home > Banca dati: Produzioni > Teatro > prosa > Il Teatro dei fratelli Scomparso
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRODUZIONI

 

Il Teatro dei fratelli Scomparso

il racconto e le opere

Autore: Andrea Meloni

Regia: Andrea Meloni

Protagonisti

Andrea Meloni, Simone Dulcis

Scene: Simone Dulcis

Costumi: Stefano Carboni

Nota Artistica

NOTE DI REGIA

Il Teatro dei fratelli Scomparso è uno spettacolo teatrale in cui si racconta l'avventura surreale di Alfredo Scomparso, attore affamato di cose sconosciute. Alfredo, viaggiando per mare, si spinge fino alle latitudini più estreme, dalle cui profondità gli appare all'improvviso la follia nelle sembianze di un pesce-balena. Il mastodonte marino frantuma la barca e ingoia l'attore Scomparso che nel ventre del cetaceo fa la conoscenza dei matti, dei perduti e degli allontanati, comunità che abita quel margine di mondo. Ne "La tassonomia" di Landy la figura di Alfredo potrebbe essere collocata nel ruolo dell'eroe che compie un viaggio di carattere trasformativo; "...Curioso, aperto al confronto con l'ignoto, cerca un significato al di là del suo orizzonte, confrontandosi con le asprezze del viaggio e accettando le conseguenze che scaturiscono dallo scoprire certe ambivalenze fondamentali dell'essere. La funzione dell'eroe è quella di compiere un rischioso viaggio spirituale e psicologico verso la comprensione e la trasformazione..." (Robert Landy - "La tassonomia dei ruoli" - 1993). Nello spazio scenico, segnato da TOTEM, SOGLIE ed ELEMENTI SIMBOLICI, due alienati, il signor Arturo Tatàr (Andrea Meloni) nella parte del cantastorie e il sig. Tommaso Guastamacchia (Simone Dulcis) nelle parti del coro e dell'orchestra, raccontano il mito di Alfredo Scomparso attraverso un tessuto narrativo creato alla maniera dei racconti popolari di magia con accompagnamenti musicali dal vivo e intermezzi di preghiere, canti e danze ispirati ai riti di passaggio delle comunità primitive. La voce del prologo è del signor Agostino Cacciabue. Allo spettacolo è associata l'esposizione pittorica "DEI REIETTI, DEI DETRITI E DEI RELITTI" che comprende le opere realizzate da Simone Dulcis. Su richiesta è possibile organizzare un seminario di teatro sociale diretto da Andrea Meloni e rivolto a professionisti e studenti di ambito artistico, educativo e clinico.

NOTE DELL'AUTORE

Il tema della follia proviene da lontano; è un solco, lungo e profondo, che attraversa l'intera dorsale dell'umanità. Aldilà dei pregiudizi, del sapere scientifico o del trattamento clinico la follia come una sfinge continua nel tempo a porre i suoi enigmi, a custodire i suoi misteri, a rivelare le nostre paure; da circa dieci anni a questa parte "essa" mi ha guardato e riguardato profondamente. Dal 1997, infatti, mi occupo della conduzione di laboratori teatrali rivolti a persone affette da disturbi mentali; molti di loro, i più anziani, hanno conosciuto anche l'ingiusta penitenza manicomiale. Entrare in contatto con il fondo della sofferenza umana è stata un'esperienza che credevo di attraversare e da cui, invece, sono stato attraversato e, per molti aspetti, cambiato. Gli utenti dei miei laboratori erano portatori di enigmi e rivelazioni, figure guida che mi hanno dato l'opportunità di passare incolume attraverso le zone d'ombra più recondite della condizione umana. Quando mi lascio alle spalle eventi di questa portata sento il bisogno di lenire l'inquietudine che mi procurano scrivendone, cercando di dare un ordine creativo al caos interiore. Nel caso de "Il Teatro dei fratelli Scomparso" ho voluto trasfigurare questa esperienza, elevarla a mito per renderla universale, trasferibile; l'ho riscritta come se fosse il racconto di un rito di passaggio che testimoniasse di una crisi e di un viaggio simbolico. Ho fatto parlare la follia mettendola in dialogo con il teatro, cercando di mostrarla da angolature che escludessero luoghi comuni sull'argomento o stereotipie sulla figura del matto. Attraverso il tema della follia ho voluto scrivere un elogio alla diversità come nutrimento dell'arte e come peculiarità della natura. Le opere di scena realizzate da Simone Dulcis sono state integrate nella scrittura della spettacolo come veri e propri personaggi, archetipi ispirati e ispiratori, padri soccorritori, levatrici sciamane, creature magiche, fratelli di strada.

Andrea Meloni

Dimensioni Palco: 5 metri di larghezza per 6 di profondità

Ore Montaggio: 3

Ore Smontaggio: 2

Nota di Stampa

# Produzione:
Teatro Laboratorio Alkestis
# Progetto Artistico:
Circo Calumèt

Durata: 60'

Esigenze Sceniche

Lo spettacolo è facilmente adattabile anche a contesti e strutture non strettamente teatrali.

Info

PRINCIPALI REPLICHE:

-luglio 2005, nell'ambito dell'Università Estiva di Danza Movimento Terapia, Tanka Village, Villasimius (Cagliari)

-dicembre 2005, Teatro Alkestis (Cagliari)

-aprile 2006, nell'ambito della V edizione del Festival delle Arti Espressive, Teatro Perempruner, Grugliasco (Torino)

-dicembre 2006, Teatro Alkestis (Cagliari)

-marzo 2007, nell'ambito della Vetrina dell'Associazione Enti Locali per lo Spettacolo della Provincia di Cagliari

-maggio 2007, nell'ambito della II edizione del Festival Nazionale "Altri Teatri", Teatro Comunale "Traetta" di Dibitonto (Bari)

-dicembre 2007, tournèe nell'ambito del progetto Mibac "Un'isola in Festival", organizzato dalla Fondazione Teatro Lirico di Cagliari per conto della regione Sardegna.
# Teatro Civico di Sardara (Cagliari)
# Teatro Civico di Scano Montiferro (Oristano)
# Teatro Civico di Nuoro
# Teatro Civico di Lanusei (Nuoro)
# Teatro Civico di Alghero (Sassari)




Ultimo aggiornamento: 16/08/2008

 
Info
 


Produzioni


Produzioni  >>  Teatro


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
24-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=produzioni&sottocategoria=1&categoria=1&id=19