Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    25 ottobre 2020
Home > Banca dati: Produzioni > Teatro > prosa > io guardo il mare
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRODUZIONI

 

io guardo il mare


Autore: Nicolino Pompa, Pierangelo Pompa e altri anonimi

Regia: Pierangelo Pompa

Musiche: Charles Trenet, Jacques Brel, Léo Ferré, yves Montand

Protagonisti

Mario Umberto Carosi
Stefano Farris

Nota Artistica

Dalle note di regia:

Ho letto nel libro di un tale che si intende di teatro: “tu sei il figlio di qualcuno”. Un altro, esperto quanto lui, mi ha dimostrato che ‘qualcuno’ non è una metafora, né un pronome soltanto indefinito. E i maestri vanno presi alla lettera. (……)

Ho ricevuto dalla voce di mio padre poesie mai stampate e canzoni mai registrate. Le conservo da privilegiato, così ne ho scelte alcune per provare a farci uno spettacolo. Ho scoperto, come se già non lo avessi saputo, che non era di letteratura che mi stavo interessando, né soltanto di musica leggera, e che quei testi non avrebbero mai potuto essere, per me, il centro di uno spettacolo, ma solo un suo pretesto. Qualcuno, comunque, ascoltando o leggendo queste poesie, soprattutto in questo festoso quarantennale del 1968, potrebbe pensare che lo spettacolo parli di Storia o di Politica. (……)
Dai testi di mio padre, e da alcuni frammenti di biografia personale, emerge ai miei occhi una strampalata genia di lottatori,variamente corazzati di benessere, ideologia,cultura, tecnica o fragilità. Ognuno sa chi è andato più lontano, chi si è tradito di meno, chi si è fatto più male e se una corazza sola bastasse. (……)
Ma il teatro, a volte, è un buon modo per ridiscutere le proprie categorie.
Ed ecco i testi, la biografia, la storia con la s piccola e personale (ma per quanti?), le immagini che ritornano, la rabbia, tutti materiali estremamente personali, portatori di una necessità ineludibile, ma da trasformare in qualcosa che riguardi anche gli spettatori. E soprattutto: i materiali degli attori, le loro azioni, i loro oggetti, con le loro, di storie, tutte da decifrare, tutte da custodire, da raccogliere con l’attenzione di chi disinnesca una bomba e in realtà cerca una tecnica per moltiplicarne la potenza, garantirne la detonazione. Questo pensavo, e questo avevo a disposizione durante le prove. La traccia drammaturgia, la storia da raccontare, non per questo si faceva più chiara.
Se davvero di tutto questo voglio fare uno spettacolo, pensavo,la cosa migliore da fare è prendere queste poche cose e metterle una vicina all’altra, per vedere che succede, verificare scientificamente associazioni e cortocircuiti, per capire, se non la Storia, almeno qualcosa in più di me stesso, di quei mille atti mancati, di quel qualcosa con cui è meglio fare i conti. (……)
Padri, maestri: che ingombrante confusione. Lavorando a questo spettacolo, comunque, ho avuto conferma che hanno questo in comune. Entrambi, li si vorrebbe spesso uccidere, di entrambi si vorrebbe fare l’esatto contrario o, per eccesso di furore, il contrario del contrario. Ma hanno anche una grande differenza:se prendere alla lettera i padri può essere l’errore più facile (soprattutto se fanno i poeti), può fomentare le illusioni più inutili e far arrabbiare inutilmente, prendere alla lettera i maestri è sempre la cosa più difficile, l’ambizione più superba, ma pare che per ammazzarli si cominci così. (……)


Ultimo aggiornamento: 04/10/2008

 
Info
 


Produzioni


Produzioni  >>  Teatro


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2020 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
25-10-2020
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=produzioni&sottocategoria=1&categoria=1&id=180