Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi' o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

[CHIUDI]

SpettacoloSardegna | Registrati | Pubblicità | Contattaci | Newsletter

    15 luglio 2019
Home > Banca dati: Produzioni > Teatro > prosa > S'ACCABBADORA
Login
User

Password
Recupera password 
 

PRODUZIONI

 

S'ACCABBADORA


Autore: SUSANNA MAMELI

Regia: SUSANNA MAMELI

Protagonisti

RITA ATZERI E CARLA ORRU'

Scene: MARCO NATERI

Costumi: MARCO NATERI

Nota Artistica

Note di regia
Siamo nella tana de s'accabbadora, una serva, la sua serva che, mentre sistema e rassetta la stanza raccontai fatti della padrona.
Attraverso il filtro dei pettegolezzi e dell'amore-odio della serva verso la sua padrona, ecco levarsi l'immagine castigata di Antonia, ora come levadora, ora come incantadora, e infine accabbadora. Levatrice, donna delle medicine, donna che pone fine alle sofferenze dei moribondi, ma anche figura crepuscolare solitaria, sfuggente e schiva. Si sa che da fanciulla fu abbandonata sull'altare sotto lo sguardo armato dei fedeli, si dice di come i fiori le si appassirono in volto, si racconta di come nessuno osò fermarla e della mano pietosa che fece cigolare la porta della chiesa, consegnandola alla luce divorante del mezzogiorno. Insomma il cielo bisogna guadagnarselo, e Antonia si fa serva e missionaria degli uomini in terra, affaticandosi a fare quello che nessuno vuole o ha il coraggio e la forza di fare: aiutare a nascere e morire.
La "serva" e la "padrona" si riducono a brani, cavandosi i peccati dall'anima con crudele affetto, uno a uno fino a che la serva, si sbriciola in sussurri e rivela il gioco orrendo, implora Antonia - sua sorella, di liberarla dalla sofferenza che la corrompe dentro, le chiede di operare il suo ufficio sulla carne dolce e infetta di sorella. La implora di farlo ora, davanti al pubblico di stracci appesi, davanti alla casa che le ha viste nascere, davanti all'altare in cui suo padre la fece donna.
Chiede la Pietà che Antonia ha sempre reso altrove. Ma per Antonia, questa volta, è diverso.

Note. Accabbàdora dal sardo accabbare = finire, terminare, "dare fine".


Durata: 60 min

Info

anfiteatrosud@gmail.com
3335757486
3343808977
0702353454


Ultimo aggiornamento: 21/04/2010

 
Info
 


Produzioni


Produzioni  >>  Teatro


Copyright © Spettacolosardegna 2000 - 2019 P.IVA 02577870922  Reg. Trib. di Cagliari n. 10/13 del 22.08.2013   note legali   pubblicità
Credits
15-07-2019
http://www.sardegnaspettacolo.it/index.php?nodo=banca_dati&db=produzioni&id=155&categoria=1&sottocategoria=1